Coronavirus Cina Wuhan Lab: colpa dei Francesi?

0
269

Coronavirus Cina Wuhan: il governo francese è stato frenato nelle sue critiche al Partito Comunista Cinese per aver scatenato una pandemia sul mondo. Una possibile ragione della loro reticenza è un fatto unico ed anche imbarazzante.

La Francia ha essenzialmente costruito il bio-lab P4 del Wuhan Institute of Virology in cui il coronavirus che ora sta affligendo il mondo era oggetto di ricerca e da cui è fuggito.

Il fatto che i francesi abbiano consegnato il bio-lab chiavi in ​​mano ad alto contenimento in Cina è da tempo noto al pubblico. Ora un giornale tedesco, il Frankfurter Allgemeine Zeitung, ha aggiunto dettagli avvincenti alla storia.

Le informazioni privilegiate provengono da interviste con scienziati francesi direttamente coinvolti nello sforzo.

Coronavirus Wuhan Cina: il ruolo della Francia

L’immagine che emerge sulle origini e le operazioni del laboratorio è, a dir poco, inquietante.

Coronavirus Cina Wuhan

Il governo francese ha convenuto di costruire il laboratorio all’avanguardia a condizione che scienziati dei due paesi collaborassero a progetti di ricerca congiunti.

I francesi dovevano avere una presenza significativa. Secondo i termini dell’accordo, non meno di 50 ricercatori francesi avrebbero dovuto risiedere nel condominio annesso al laboratorio, dove avrebbero lavorato su base giornaliera.

La costruzione del laboratorio di Wuhan viene completata entro febbraio 2017.

Questo è stato un momento così importante nella storia delle relazioni cino-francesi che il premier francese, Bernard Cazeneuve, si è recato personalmente a Wuhan per la cerimonia del taglio del nastro.

Con sorpresa e costernazione dei francesi, quella cerimonia segnò l’effettiva fine del “partenariato di ricerca” che l’apertura del laboratorio avrebbe dovuto inaugurare. Ora che la Cina aveva il laboratorio P4 e la tecnologia che desiderava, ha immediatamente irrigidito il suo “partner” straniero e strappato l’accordo che aveva firmato.

Laboratorio Wuhan: non c’è spazio per la Francia

A nessun ricercatore francese è stato permesso di risiedere nel composto e fare ricerche in laboratorio.

Il tradimento cinese è rimasto in gran parte irrilevante dall’imbarazzato governo francese.

Alla domanda alla radio francese, l’ex ministro della sanità francese, Marisol Touraine, ha detto solo: “Questo è davvero un peccato, dal momento che volevamo condividere le nostre conoscenze.”

A cui si potrebbe rispondere: “Hai già condiviso le tue conoscenze, a scapito del mondo”.

Un altro nome degno di nota che ha partecipato alla cerimonia del taglio del nastro è stato il Dr. Shi Zhengli, noto come “batwoman” cinese per il suo lavoro con i coronavirus dei pipistrelli.

La Dott.ssa Shi ha da tempo una connessione francese, avendo conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Montpellier in Francia nel 2000.

Coronavirus Cina Wuhan: il ponte Cina Francia

In vista dell’apertura del laboratorio Wuhan P4, ha ricevuto molti mesi di intensa formazione presso l’unico laboratorio francese P4 , il Jean-Mérieux-Lab situato a Lione.

Era lei che, tolti i francesi di mezzo, avrebbe dovuto garantire che il personale fosse adeguatamente addestrato ai rigidi protocolli di sicurezza dei laboratori P4 e che questi fossero sempre seguiti attentamente.

Shi Zhengli ha ammesso a  Scientific American di essersi inizialmente chiesta se il coronavirus potesse provenire dal suo laboratorio.

È stata molto sollevata, dice, dopo che un attento esame dei suoi documenti di ricerca ha rivelato che

nessuna delle sequenze [del virus del PCC] corrispondeva a quelle dei virus che il suo team aveva prelevato dalle caverne dei pipistrelli“.

Virus Cina Coronavirus: le ombre

Un gruppo di coronavirus che non si trova nelle “caverne di pipistrelli”.

Questi sono i nuovi coronavirus che si trovano solo nel laboratorio P4 della Dr. Shi perché lei stessa li sta creando. Per anni ha utilizzato la tecnologia ricombinante per creare coronavirus “potenziati” che sono più contagiosi e più mortali dei loro analoghi naturali. L’obiettivo di questa ricerca “Gain-of-Function” è, semplicemente, creare “superbatteri” a fini di ricerca. Il virus CCP sembra essere uno di questi.

Dal momento che nessun ricercatore straniero, francese o altro, può condurre ricerche nel laboratorio del Dr. Shi, o esaminare autonomamente i suoi registri di ricerca, al momento, non abbiamo modo di verificare direttamente che sia così.

E con il Partito Comunista che “sta scomparendo” coloro che si discostano dalla linea del Partito, è probabile che nessun testimone cinese di questo fatto si faccia avanti. Potrebbe costare loro la vita. Per quanto riguarda la stessa dottoressa Shi, la batwoman cinese probabilmente non vuole farsi conoscere come la peste cinese.

Maggiori dettagli sul laboratorio francese fiasco provengono da un libro intitolato Francia – Cina: Les Liasons dangereuses dell’esperto francese di Cina, Antoine Izambard.

Afferma che i cinesi hanno sistematicamente messo da parte i francesi fin dall’inizio della costruzione del laboratorio. Una volta che gli ingegneri francesi avevano rivisto i progetti, i fornitori di attrezzature cinesi si sono improvvisamente autogestiti, sotto-quotando i prezzi offerti dai fornitori francesi tagliando le spese e usando materiali di bassa qualità.

Coronavirus Cina Wuhan: le bandiere rosse iniziarono immediatamente a sollevarsi.

La società francese Technip, che avrebbe dovuto certificare che il laboratorio Wuhan fu costruito secondo gli standard del laboratorio P4 di Lione, si rifiutò di rilasciare l’approvazione.

Hervé Raoul, il direttore del laboratorio francese P4 a Lione, che fungeva da modello per il laboratorio di Wuhan, visitò la struttura molte volte quando era in costruzione. Oggi professa ignoranza riguardo alle sue attuali operazioni. Questo di per sé è estremamente preoccupante, dal momento che Herve è elencato sul sito web dell’Istituto di Virologia di Wuhan come “vicedirettore” del “Comitato scientifico consultivo del Centro per le malattie infettive emergenti“.

Eppure ora dice semplicemente:

“Non esiste un ricercatore francese che lavora a Wuhan e non ho idea di come funzioni il laboratorio”.

Institut Pasteur coronavirus, Paris 1.jpg
Istituto Pasteur,Parigi

L’unico francese ad aver effettivamente avuto accesso al laboratorio di Wuhan sin dalla sua apertura è il microbiologo René Courcol dell’ospedale universitario di Lille. Il suo compito era quello di supervisionare la corretta attuazione degli standard di sicurezza in laboratorio e di certificare che fossero conformi alle linee guida internazionali.

Il sito web del WIV osserva che Courcol ha visitato il laboratorio P4 a maggio 2018 per “valutare i progressi dei lavori di costruzione del controllo di qualità nel laboratorio Wuhan P4”. Si afferma che:

“proverà ad assistere WIV nella creazione di un laboratorio nazionale di biosicurezza di alto livello che combini gestione della biosicurezza e controllo di qualità in futuro”.

Dato che a quel punto il laboratorio aveva già ricercato coronavirus pericolosi per 15 mesi, questo non è certo rassicurante. Ancora oggi, a più di tre anni dalla sua apertura, il laboratorio non è ancora accreditato dall’OMS.

Il dott. Courcol non ha fornito spiegazioni sul perché ciò potrebbe essere così e, forse non sorprendentemente, date le circostanze, rifiuta le richieste di interviste.

coronavirus, les liaisons dangereuses (Essais - Documents) (French Edition) di [Antoine Izambard]

Fin dall’inizio il laboratorio Wuhan P4 non è riuscito a soddisfare gli standard internazionali.

Ciò significa, secondo Izambard, che

“la gestione del materiale altamente contagioso da parte del laboratorio Wuhan non è mai stata adeguatamente garantita”.

Dato che è diventato un disastro per i francesi il laboratorio P4 a Wuhan, vale la pena chiedersi perché si siano imbarcati su di esso in primo luogo. Come tante altre imprese pubbliche e private fallite in Cina, è stato uno sforzo per aumentare gli scambi con il gigante comunista.

Aggiungete a ciò il fatto che la Francia aveva già stretti legami commerciali con Wuhan. Infatti oltre 100 aziende francesi stavano facendo affari lì.

Il palcoscenico era pronto per il fiasco del laboratorio P4 nel 2003 durante l’epidemia di SARS, quando il leader cinese Jiang Zemin si avvicinò a Jacque Chirac per chiedere aiuto nella costruzione di bio-lab ad alto contenimento. In risposta, il presidente francese ha autorizzato l’esportazione di quattro bio-lab mobili a medio contenimento o P3-lab.

Lo ha fatto contro il parere del proprio Ministero della Difesa, secondo il quale tutti i laboratori P3 esistenti in Cina erano sotto il diretto comando e controllo dell’Esercito popolare di liberazione e venivano usati per scopi militari.

Wuhan Coronavirus Cina Lab: le opposizioni

L’autorizzazione del presidente francese alla costruzione di un coronavirus biolab P4 a Wuhan ha incontrato un’opposizione ancora più forte. Questa volta non solo dal suo ministero della Difesa e dal servizio di intelligence francese, il DGSE, ma anche da altri stati membri dell’Unione Europea e dagli Stati Uniti.

Gli USA si erano costantemente opposti ad aiutare la Cina a creare un laboratorio P4.

Erano contrari a trasferire la tecnologia sensibile richiesta per gestirlo, a causa del rischio che la struttura potesse essere utilizzata a scopi militari.

Sei mesi prima dell’apertura ufficiale del laboratorio coronavirus P4, l’ambasciatore francese in Cina ha visitato l’Istituto di virologia di Wuhan. Nell’occasione ha conferito una medaglia al Dr. Shi Zhengli.

Coronavirus Cina Wuhan: bruciate le prove dei campioni.

Il documento ottenuto da The Saturday Telegraph parla della “soppressione e distruzione delle prove” e indica “campioni di virus ordinati distrutti nei laboratori di genomica, banchi del mercato della fauna selvatica sbiancati, sequenza del genoma non condivisa pubblicamente, chiusura del laboratorio di Shanghai per “rettifica”, articoli accademici sottoposti a revisione preliminare da parte del Ministero della Scienza e della Tecnologia e dati segreti sui “portatori silenziosi” asintomatici tenuti segreti “.

Si tratta di come il governo cinese abbia deliberatamente nascosto il coronavirus:

  • mettendo a tacere i dottori che hanno parlato,
  • distruggendo le prove del laboratorio di Wuhan
  • rifiutando di fornire campioni di virus agli scienziati internazionali che lavorano su un vaccino.

Gli USA, insieme ad altri paesi, hanno ripetutamente richiesto un campione di virus vivo dal primo gruppo di casi di coronavirus. Questo è inteso come non imminente, nonostante la sua importanza vitale nello sviluppo di un vaccino, fornendo al contempo un’indicazione della provenienza del virus.

Il dottor Shi ha ottenuto una medaglia. Il resto di noi ha ottenuto il Coronavirus CCP.

Se hai trovato interessante questo articolo su Virus Cinese Coronavirus leggi anche Coronavirus: 10 cose da sapere per evitare il contagio

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments