Trump non ama Bitcoin, ma lo sta aiutando inconsapevolmente

0
26
Trump criptovalute
Trump criptovalute

A Trump potrebbe non piacere il Bitcoin, ma sta facendo un ottimo lavoro creando le condizioni economiche in cui la criptovaluta leader può prosperare.

Hai bisogno di prove?

Basta guardare al debito nazionale degli Stati Uniti, che ha superato i 22 trilioni di dollari a febbraio e da allora è aumentato di quasi $ 400 miliardi in sei mesi.

TRUMP GONFIA  DEBITO NAZIONALE USA COME UN PALLONCINO

Il Debito nazionale Americano attuale si aggira intorno ai $ 22.389.559.542.935,74

La cattiva notizia per i falchi fiscali – e la buona notizia per i tori di bitcoin – è che non ci sarà presto un recupero.

Nonostante le sfuriate contro il debito nazionale durante la sua prima campagna presidenziale, Trump ha appena firmato un progetto di bilancio che affronterà altri $ 1,7 trilioni sulle passività del governo degli Stati Uniti nel prossimo decennio.

Trump criptovalute
Trump criptovalutehttps://elysiumpost.com/trump-parere-criptovalute/

Trump e Il debito nazionale degli Stati Uniti

Il debito nazionale degli Stati Uniti è diventato parabolico.

Vuoi essere ancora più terrorizzato?

Dai una rapida occhiata al Debt Clock americano e guarda quei numeri salire a spirale in tempo reale.

Mentre Trump continua a pubblicizzare l’accordo di bilancio bipartisan “fenomenale”, la dipendenza dal debito del governo ha messo l’economia americana su una strada pericolosa.

STAI OTTENENDO UN DEBITO DA PAGARE E NON LO SAI ANCORA.

Secondo il Congressional Budget Office, si stima che il livello crescente del debito nazionale statunitense riduca il reddito medio degli americani di $ 5.000 all’anno entro tre decenni.

Ecco la linea di fondo: più debito nazionale significa che diventerai più povero a causa di prestiti irresponsabili.

Per fortuna, c’è un trampolino di fuga da questo naufragio al rallentatore: Bitcoin.

BITCOIN: UN’ ANCORA CONTRO LA DIPENDENZA DAL DEBITO DEL GOVERNO DEGLI STATI UNITI

Non devi preoccuparti che la macchina da stampa contro Bitcoin funzioni straordinariamente per svalutare i tuoi risparmi duramente guadagnati.

Bitcoin, a differenza del dollaro USA, ha un’offerta fissa.

Saranno emessi solo 21 milioni di bitcoin e, secondo quanto riferito, le chiavi del 23 percento dei token in circolazione sono già stati prodotti.

A differenza delle valute gestite dal governo, il valore della criptovaluta dipende interamente da una cosa: la domanda.

Non sorprende che gli investitori istituzionali abbiano già iniziato ad accumulare bitcoin per coprire i propri investimenti.

Rischi o no, Bitcoin potrebbe essere il modo migliore per proteggersi dall’irresponsabile indebitamento del governo degli Stati Uniti.

I segnali della crisi degli Usa di Trump

La società di gestione degli investimenti First Trust ha pubblicato una nota importante riguardo a una potenziale recessione.

Intitolata “This Is Not 2008”, la nota del capo e degli economisti senior del First Trust fa punti importanti sulla curva dei rendimenti di cui, noi del settore, abbiamo sentito molto parlare ultimamente.

LA STORIA NON SI RIPETE SEMPRE UGUALE

First Trust sottolinea che, sebbene le curve dei rendimenti abbiano portato storicamente a recessioni, si tratta di una singola serie di dati che non deve essere visualizzato nel vuoto.

Una curva dei rendimenti che inverte si verifica quando i tassi di interesse sulle obbligazioni a breve termine superano i tassi di interesse sulle obbligazioni a più lungo termine.

È una situazione insolita perché più lunga è la scadenza di un’obbligazione, maggiore è il periodo di tempo in cui possono verificarsi cambiamenti nell’economia.

Gli investitori sono compensati per quel rischio più elevato con tassi di interesse più elevati.

First Trust sottolinea con precisione che l’economia stava già vivendo alcune situazioni terribili nel momento in cui la curva dei rendimenti si è invertita in passato.

LA CRISI DELL’ALLOGGIO HA CAUSATO LA RECESSIONE

Il mercato obbligazionario ha appena fatto qualcosa che non ha fatto dalla crisi immobiliare, ma ciò non significa necessariamente che la storia si ripeterà.

Ad esempio, nel 2008, l’economia stava correndo a capofitto verso un disastro grazie alla bolla immobiliare.

Era questa bolla che probabilmente è stata la ragione della recessione, non necessariamente una curva dei rendimenti.

Vediamo una curva dei rendimenti semplicemente come un modello di comportamento che può predire una recessione.

Per espandersi, bisogna capire perché la curva dei rendimenti si sta invertendo così com’è.

Questo perché un certo numero di paesi in tutto il mondo ha istituito tassi di interesse negativi.

Ciò significa che mentre le persone tengono i loro soldi in banca, piuttosto che la banca paghi loro interessi su quei soldi, i depositanti pagano soldi alla banca!

Se sembra folle, è perché lo è.

L’intento alla base di questa politica è che le persone non mantengano i soldi in banca, ma li investano, da qualche parte, ovunque.

Quindi, dove le persone investono i loro soldi, se non riescono nemmeno a metterli in un posto sicuro come una banca nel loro paese?

Gli stranieri investono in obbligazioni statunitensi, abbassando i tassi.

La Danimarca è tra i paesi con una curva interamente negativa.

Nordea inizierà a offrire prestiti ipotecari a tasso fisso di 20 anni con un interesse pari a ZERO.

Comprano buoni del tesoro statunitensi.

Con tutto quel denaro che scorre nel mercato obbligazionario degli Stati Uniti, poiché i tassi di interesse sono negativamente correlati al prezzo, i tassi di interesse diminuiscono.

Quindi tutti quei depositanti investono in obbligazioni a breve termine, sperando che a breve termine cambino le politiche bancarie dei loro paesi e possano spostare i loro soldi nelle banche sicure delle loro nazioni.

Quindi abbiamo un esempio perfetto di guardare qualcosa nel vuoto.

Ed Butowsky, Managing Partner di Chapwood Capital Investment Management, dice a CCN:

“Ricordiamo anche che una recessione è definita come due trimestri consecutivi di crescita del PIL negativa.

Finora non ne abbiamo nemmeno avuto uno.

L’ultimo trimestre ha registrato un debole 1,9%, ma la media durante l’amministrazione Trump è stata del 2,7%.

Quindi non anticipiamo noi stessi parlando di recessioni.

Una curva dei rendimenti invertita è solo un segnale, e solo una dei tanti. ”