Trump News: a Washington davanti alla Vergine Nera Polacca

0
94
trump

Trump News: WASHINGTON D.C., 2 GIUGNO 2020

Trump News: il Presidente USA Visita e prega davanti alla Vergine Nera Polacca.

Adolf Hitler la odiava infatti la Polonia fu il primo paese che dovette subire l’invasione tedesca. L’invasione segnò l’inizio della seconda guerra mondiale.

L’offensiva tedesca iniziò il 1 ° settembre 1939, una settimana dopo la firma del patto Molotov-Ribbentrop tra la Germania e l’Unione Sovietica.

Successivamente i sovietici invasero la Polonia il 17 settembre del 1939. La campagna si concluse il 6 ottobre con la Germania e l’Unione Sovietica; che dividevano e annettevano l’intera Polonia ai sensi del Trattato di frontiera tedesco-sovietico.

La Vergine Nera “nasce” dalle Crociate

La Statua di Notre-dame di Francia; Il suo santuario montano fu il punto di origine delle Crociate del XII secolo.
La statua di Notre-Dame de Francia è un’opera monumentale in ghisa situata nella città di Puy-en-Velay in Francia

 

– L’arcivescovo Wilton Gregory di Washington, D.C., ha lanciato un rimprovero pungente al Santuario Nazionale Giovanni Paolo II ;per “aver permesso” di visitarlo al Presidente Trump e la First Lady Melania Trump.

Il presidente e la sua first lady visitarono il santuario per commemorare il centenario di Papa Giovanni Paolo.

Cogliendo l’occasione per celebrare anche il 41 ° anniversario della messa storica del santo in Piazza della Vittoria a Varsavia. Melania Trump è la prima First Lady cattolica dopo Jacqueline Kennedy.

trump cavalieri di colombo
Emblema dei Cavalieri di Colombo

Dopo la sua visita al santuario, istituito e gestito dai Cavalieri di Colombo, il presidente Trump progettò di tornare alla Casa Bianca per firmare un ordine esecutivo sulla libertà religiosa.

Trovo sconcertante e riprovevole che qualsiasi struttura cattolica si permetta di essere così egregiamente abusata e manipolata in un modo che viola i nostri principi religiosi, che ci chiamano a difendere i diritti di tutte le persone, anche quelle con cui potremmo non essere d’accordo”, ha detto Gregory in una dichiarazione ha rilasciato l’ora stessa della visita di Trump.

“San Papa Giovanni Paolo II era un ardente difensore dei diritti e della dignità degli esseri umani”, ha continuato Gregorio. “La sua eredità è la vivida testimonianza di quella verità. Certamente non perdonerebbe l’uso di gas lacrimogeni e altri deterrenti per zittirli, disperderli o intimidirli per un’opportunità fotografica di fronte a un luogo di culto e di pace.”

Stati Uniti Canada; cattolica mondiale

Si scopre che l’arcivescovo Gregory aveva torto sul dispiegamento di gas lacrimogeni contro i manifestanti.

Semplicemente non è successo, nonostante le affermazioni iniziali dei principali media sul contrario.

Non è chiaro se l’arcivescovo Gregory ha in programma di emettere una correzione alla sua dichiarazione.

Un portavoce del santuario ha dichiarato che la Casa Bianca aveva programmato la visita del presidente; molto prima delle recenti violente insurrezioni nelle città di tutta la nazione ;contestando le dichiarazioni dell’arcivescovo Gregory che definiva gli accadimenti come una messa in scena di facciata.

“Ciò era appropriato dato che San Giovanni Paolo II era un instancabile sostenitore della libertà religiosa durante tutto il suo pontificato”

Ad affermarlo è direttamente il Santuario in una nota dove si spiegano anche altri dettagli:

“La libertà religiosa internazionale riceve un ampio sostegno bi-partisan; incluso il passaggio unanime della legislazione in difesa dei cristiani perseguitati e delle minoranze religiose in tutto il mondo”.

Ha aggiunto che:

 “il santuario accoglie tutte le persone a venire a pregare e conoscere l’eredità di San Giovanni Paolo II”.

PIC.TWITTER

– Santuario di San Giovanni Paolo II (@ JP2Shrine) 2 giugno 2020

La dichiarazione del Vescovo contro Trump e i Cavalieri di Colombo 

Nel dichiarare che il santuario e il presidente sono in “violazione dei principi cattolici”; l’arcivescovo Gregory ha scelto di trascurare il record di Donald Trump come il presidente più pro-vita nella storia della nazione e i suoi forti sforzi per proteggere la libertà religiosa.

I guadagni a favore della vita di Trump includono il fatto di consentire agli Stati di rimborsare i fondi del Titolo X e Medicaid pianificati; defunding il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione e molto recentemente l’Organizzazione mondiale della sanità pro-aborto; ripristinare e ampliare la politica di Città del Messico; che impedisce al denaro dei contribuenti di finanziare aborti all’estero; creazione di un nuovo ufficio per la protezione della coscienza presso il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti; e il rafforzamento dell’applicazione delle leggi federali; a tutela dei diritti di coscienza degli operatori sanitari che non vogliono partecipare all’aborto.

Trump ha anche dichiarato le chiese “essenziali” il 22 maggio; dicendo ai governatori statali di consentire loro di riaprire quando i blocchi del coronavirus iniziano ad allentarsi. Tutte le messe pubbliche a Washington, D.C. rimangono cancellate.

Il presidente è stato a lungo oggetto di critiche da parte di molti prelati cattolici; a causa della sua forte posizione sull’immigrazione e sui confini sicuri.

L’estate scorsa, nella sua prima dichiarazione pubblica a seguito della sua installazione come arcivescovo di Washington; Gregory ha accusato il presidente di “sminuire la nostra vita nazionale“.

Le critiche di Gregory seguono allo stesso modo aspre parole del vescovo episcopale di Washington, che ha affermato di essere “oltraggiata” dalla visita di Trump alla storica chiesa di San Giovanni  dopo che il venerabile complesso della chiesa di Lafayette Square dalla Casa Bianca è stato dato alle fiamme dai manifestanti violenti la notte precedente .

“Sono il vescovo della diocesi episcopale di Washington e non ho ricevuto nemmeno una richiesta di cortesia, che avrebbero ripulito [l’area] con gas lacrimogeni in modo da poter usare una delle nostre chiese come sostegno”, ha detto il Rev. Mariann Budde, vescovo episcopale di Washington, ha detto al Washington Post.

“Tutto ciò che ha detto e fatto è infiammare la violenza”, ha affermato Budde. “Abbiamo bisogno di una leadership morale e ha fatto di tutto per dividerci.”

HTTPS://T.CO/L4H3BAF8HR

– Thomas Peters (@AmericanPapist) 2 giugno 2020

Trump News: separazioni tra i cattoloci

Le visite del presidente a due importanti siti della presenza del cristianesimo nella capitale della nazione hanno diviso i cattolici.

“Ricordiamo che aspetto aveva quest’area la sera prima”, ha dichiarato Martha MacCallum, conduttrice di Fox News. “Vedi il Presidente in piedi davanti a quelle finestre sbarrate da St. John’s quando il fumo fuoriusciva da lì” non molto tempo prima.

“Pensavo che forse sarebbero andati in chiesa e forse avrebbero detto una preghiera”, ha continuato MacCallum, il quale ha affermato di essere sorpresa che il presidente e il suo entourage si siano rapidamente girati e siano tornati alla Casa Bianca.

“È quello che è”, ha detto.a causa delle preoccupazioni sull’occupazione, ha dichiarato a LifeSiteNews che sarebbe stato meglio se il Presidente avesse pregato davanti alla Chiesa di San Giovanni,  “È stato un momento in cui ha voluto chiarire che la nazione aveva bisogno di riprendere quell’area dalla violenza che aveva visto la notte prima.”

Una donna cattolica di Charlotte, nella Carolina del Nord, che ha chiesto di rimanere anonima “nella tradizione dei presidenti prima di lui”.

Vorrei che non avesse tenuto la Bibbia in alto. Era scarsamente orchestrato dal punto di vista delle pubbliche relazioni “, ha detto, riflettendo i pensieri di molti.

“Ciò che era efficace era il suo modo calmo e provocatorio di rivendicare ciò che i saccheggiatori hanno cercato di distruggere”, ha continuato. “La vescovo che ha parlato non ha mostrato apprezzamento per il suo desiderio di difendere e proteggere lei e la sua Chiesa. Personalmente mi è piaciuta la camminata determinata e provocatoria, francamente coraggiosa lì. Non sono riuscito a non dire nulla o leggere un versetto rilevante o pregare ”.

Gregory ha una lunga storia di supporto a cause liberali. Durante il suo incarico di arcivescovo di Atlanta, Gregorio non fece nulla per impedire a una parrocchia pro-LGBT di promuovere, partecipare e ospitare uno stand all’Atlide Parade di Atlanta. Gregory ha anche invitato personalmente il sacerdote pro-gay padre James Martin a tenere un discorso al Santuario dell’Immacolata Concezione, intitolato “Mostrare benvenuto e rispetto ai cattolici LGBT”, nel 2018.

Ha fatto dichiarazioni che suggeriscono il supporto per consentire ai cattolici che vivono in uno stato di adulterio; di ricevere la Santa Comunione. Ha detto messa e tenuto un’omelia ai ritiri annuali 2014 e 2015 per Fortunate Families; un gruppo dissidente filo-omosessuale. I ritiri si sono svolti nella cancelleria dell’arcidiocesi di Atlanta.

Trump
Atlanta Pride Parade

Mentre era presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti, Gregory nominò un procuratore abortista presso il National Review Board dell’USCCB. L’avvocato, Pamela Hayes, ha fatto donazioni alla lista di EMILY per la lobby a favore dell’aborto; nonché ai politici a favore dell’aborto John Kerry e Hillary Clinton.

Nel 2019, Gregorio ha offerto una Messa funebre per la giornalista abortista Cokie Roberts durante la quale la portavoce pro-aborto Nancy Pelosi ha pronunciato un elogio dal leggio nel santuario della Cattedrale di San Matteo Apostolo.

Nell’omelia, Gregory ha elogiato Roberts come uno “straordinario servitore professionale della verità”.

Il commentatore di sinistra “ha creduto nella parola di Dio …l’ha accettata e ha modellato la sua vita attorno a quella parola”, ha detto Gregory.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments