Tron coin: cos’è e come funziona TRX e la sua piattaforma

0
81

Negli ultimi anni, precisamente dal 2009, ci siamo abituati a sentire sempre più frequentemente nel parlare comune parole come blockchain, bitcoin e criptovalute, tutti termini che fino a pochi anni fa erano completamente sconosciuti alla maggior parte delle persone. Oggi invece, anche grazie all’innovazione tecnologica che sembra non arrestarsi più, e il cambiamento delle dinamiche economiche e monetarie, queste terminologie che sembravano essere così lontane dal nostro vocabolario e dalla nostra vita, sono entrate a far parte del parlato comune, o almeno in maniera molto maggiore rispetto al passato. E tra queste anche il concetto di blockchain non è esclusivamente legato al Bitcoin o Ethereum, ma anche altri protocolli. Ad esempio, quello che ruota attorno alla community di TRON, il protocollo su cui “gira” il Tron coin: TRX.

In un mondo nel quale la richiesta di criptovaluta e l’esigenza di portare sempre più innovazione all’interno del mondo della blockchain la fanno da padrone. Ed ecco che troviamo Tron, un sistema basato sulla blockchain con l’obiettivo ben preciso di dare vita ad una piattaforma di intrattenimento. Una realtà che permetta ai tutti i creator di avere il pieno controllo dei loro contenuti e progetti, piattaforma che ha dato la nascita ad una nuova e molto potente criptovaluta, il Tron Coin.

Tron: che cos’è?

tron coin

Tron è stato creato nel 2017 dal genio del marketing cinese Justin Sun, e negli ultimi anni due anni è riuscito a crescere in modo sostanziale. Specie in quello che è l’enorme mondo della blockchain, facendosi largo tra le altre diverse realtà presenti.

Si tratta di una piattaforma decentralizzata creata con lo scopo di dare vita ad un nuovo modo di pubblicare contenuti sul web. Un nuovo modo contraddistinto da una pubblicazione più trasparente e limpida rispetto a quello che avviene oggi con le più grandi multinazionali come YouTube o Apple. E dalla quale è nata Tron coin, ovvero il TRX.

Il Tron Coin dal 2017, ovvero dalla nascita della piattaforma Tron, ha visto una continua ascesa nel mondo delle cripto, con numeri che gli hanno valso la nomea della criptovaluta emergente promettente del momento. In particolar modo si è cominciata a vedere una crescita piuttosto sostanziale dal 2018, anno nel quale la piattaforma Tron acquistò Bit Torrent. Quest’ultima è la più grande piattaforma Peer To Peer di download e upload di contenuti di ogni genere.

I TRX erano fondati su dei token basati su ERC-20 fondati su Ethereum. Tuttavia, adesso i TRX hanno un proprio protocollo, TRON, e di conseguenza sulla sua blockchain.

Tron coin: caratteristiche, peculiarità e funzionamento

Il Tron coin è un tipo di criptovaluta piuttosto particolare, e deve essere pensata come una sorta di social network in cui tutti gli utenti possono andare a fruire e pubblicare qualsiasi tipo di contenuto.

Infatti Tron è una piattaforma decentralizzata che permette ai creatori di contenuti di pubblicare i propri progetti in maniera totalmente libera. Con il vantaggio di non essere disciplinati e controllati dalle regole tipiche delle Big tech come Youtube o Apple.  Aziende che vanno a mangiarsi una grandissima fetta di guadagni derivanti dai contenuti pubblicati sulle loro piattaforme. Lasciando così pochissimi ricavi a chi ha realmente sviluppato quel determinato prodotto.

La piattaforma TRON

tron criptovaluta

Il Tron Coin quindi non è altro che una criptovaluta di tipo open source che fa parte della piattaforma Tron. Il token che permette a tutti i creatori di contenuti che pubblicano i loro progetti su Tron di essere ricompensati attraverso questa moneta. Il tutto basandosi sulle diverse condivisioni reali che vengono effettuate sui loro contenuti.

Quando si parla di contenuti si intendono immagini, video, documenti e progetti.

Il Tron coin, precisamente chiamato TRX, basa il suo funzionamento sulla tecnologia Peer To Peer. A sua volta basata sulla blockchain che, come tutti sappiamo, ha il compito di eliminare qualsiasi tipo di intermediario.

Nell’uso tradizionale con le cripto comuni, la blockchain ha la funzione di eliminare quell’intermediario che di solito sono gli istituti bancari. Permettendo così uno scambio di moneta sicuro, privato e veloce tra compratore e venditore.

Tron coin: addio intermediari per i propri contenuti

Con il Tron coin la blockchain invece va ad eliminare quell’intermediario che in questo caso è rappresentato dalle grandi multinazionali come Youtube, Facebook ed Apple. Aziende che tendono ad avere il completo controllo su tutti quelli che sono i contenuti che vengono pubblicati sulle loro piattaforme. E questa forma di completo controllo si ripercuote anche sui guadagni derivanti da quel determinato prodotto.

Inoltre la tecnologia sulla quale si basa Tron permette di una struttura di storage distribuito, sistema che da la possibilità agli utenti di accedere ai contenuti da ogni parte del globo e senza la necessità di appoggiarsi obbligatoriamente ai marketplace più famosi.

Tron in questo modo permette a creatori e sviluppatori di contenuti di ricevere i compensi direttamente dagli utilizzatori del loro prodotto, senza necessitare di nessun intermediario che, di solito, prende una percentuale di guadagni molto alta.

Tron coin: cos’è TRX?

TRX, acronimo di Tronix, è la moneta ufficiale della piattaforma Tron, che ha lo scopo di creare una piattaforma decentralizzata per la condivisione libera di contenuti multimediali, basando il suo funzionamento sulla rete blockchain.

Come abbiamo detto all’inizio di questo articolo i TRX sono dei token fondati su ERC-20, ciò significa che è possibile archiviare questa moneta sui dei portafogli virtuali supportati dalla blockchain, chiamati appunto Tron Wallet.

I TRX servono per acquistare e scambiare contenuti sulla piattaforma Tron.

I vantaggi di TRX

La criptovaluta di Tron, ovvero il TRX, è in grado di distinguersi dalle altre cripto presenti sul mercato per una serie di fattori non secondari.

Uno dei maggiori vantaggi è senza dubbio la possibilità offerta ai creatori di contenuti di non dover dipendere da nessun intermediario, il quale indubbiamente preleverà una grandissima fetta di guadagno all’ideatore del contenuto.

Inoltre il TRX permette transazioni immediate e sicure, con un livello che raggiunge le 2000 transazioni eseguibili al secondo.


Leggi anche

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments