Trading Opzioni Italia: le strategie americane in Italiano

Scopri il miglior modo per approcciarsi alle Opzioni Regolamentare Online.

0
338
Opzioni Trading Italia

Trading Opzioni Regolamentate Italia: quanti di voi hanno sognato di intraprendere un percorso One To One (e questo vuol dire costruito su misura per te) per imparare a fare Trading in Opzioni con le strategie che utilizzano gli americani da decenni per mettere KO i Mercati Finanziari?

Si tratta di un percorso innovativo, che non conosce concorrenza in Italia, e siamo qui per dartene un assaggio.

Perché in Italia si sconosce il Mercato delle Opzioni? 

La grande azienda finanziaria e il mondo del trading online hanno tutto l’interesse affinché le informazioni contenute in questo articolo non vengano divulgate. Questo perché se tutti i trader conoscessero le reali potenzialità delle opzioni regolamentate, il mondo del trading online così come lo conosciamo, che spesso arricchisce solo i broker, sarebbe destinato a cambiare per sempre. 

In questa guida cercheremo di fissare dei punti, presentandoti Trading0Stress. Si tratta di un team di professionisti che ha deciso di creare, per la prima volta in Italia, un corso che spiega il mondo delle opzioni nei minimi dettagli. Capiamo prima però:

  • cos’è un’opzione regolamentata nel trading? 
  • quali sono i vantaggi e gli svantaggi del trading in opzioni? 
  • Opzioni Put e Call: come funzionano le opzioni regolamentate? 
  • quali sono le strategie maggiormente usate? 

Opzioni Trading Italia: come investire in opzioni?

Le Opzioni Regolamentate (NON BINARIE, QUELLE SONO UNA TRUFFA) sono degli strumenti specialistici che gli investitori più esperti usano per speculare sui mercati finanziari. Possono essere definite come il mercato più versatile per compiere i propri investimenti sui mercati finanziari.

In un certo senso si può dire che chi sceglie di fare trading con le opzioni, sceglie di iniziare l’università del trading. Questo perché le opzioni sono strumenti con un grande potenziale, ma visto che chi le conosce custodisce gelosamente le strategie, in ben pochi ne parlano.

Ora le Opzioni permettono anche l’utilizzo della leva finanziaria in maniera efficiente. La leva, nelle opzioni, nasce con lo scopo di limitare il rischio per puntare a massimizzare i guadagni. 

Alcune caratteristiche delle Opzioni

Perché la leva è diversa nelle Opzioni? Perché sin dal momento in cui si decide di investire, si ragiona nell’ottica di una massima perdita realizzabile. Starai pensando: ma anche lo STOP LOSS ha questa funzione. La risposta è NO! Lo stop loss non ha la stessa funzione del procedimento che si utilizza nelle Opzioni.

Nei capitoli successivi approfondiremo il concetto. Sappi però che le Opzioni, utilizzate in maniera seria, strutturata e professionale, dopo aver studiato e frequentato un percorso come Trading0Stress, ti permettono di poter operare in serenità impiegando 15 minuti al giorno del tuo tempo. 

  • niente schermi tutto il giorno 
  • nessuna noia
  • trading in serenità 
  • solo ed esclusivamente mercati regolamentati 
  • strategie utilizzabili anche con le criptovalute 

Le Opzioni Regolamentate hanno delle caratteristiche che le rendono uniche. Si tratta di strumenti nati negli anni ’70 e che inizialmente venivano scambiati solo tra gli investitori istituzionali. 

Prima abbiamo parlato di versatilità delle Opzioni. Ma cosa vuol dire? 

Vuol dire che le Opzioni si possono utilizzare per:

  • investire
  • speculare
  • coprirsi 

Scendiamo nei dettagli con questa marea di informazioni gratuite che altri si farebbero pagare fior di quattrini. 

Cos’è un’opzione regolamenta sui Mercati? 

Un’opzione regolamentata è uno strumento finanziario che conferisce all’acquirente il diritto, ma non l’obbligo, di comprare (CALL) o vendere (PUT) un sottostante, un’attività finanziaria o reale, ad un prezzo prefissato a monte (strike price).

Le Opzioni si dividono poi in:

  • Opzioni Europee, che ti permettono di esercitare il diritto di acquisto o vendita ad una data prefissata
  • Opzioni Americane, che ti danno il diritto di esercitare il diritto di acquisto o vendita entro una data prefissata. 

Le Opzioni Put e Call cosa sono?

Ovviamente il mondo delle Opzioni Regolamentate funziona grazie alla presenza di due parti:

  • i compratori 
  • i venditori

Un’opzione call e put si può sia vendere che comprare.

Chi rilascia il diritto, e quindi vende opzioni sia CALL che PUT, viene chiamato writer. 

Chi invece acquista il diritto, sia CALL nel caso la previsione sia rialzista sia PUT nel caso di previsione ribassista, è detto holder che pagherà un premio per esercitare il suo diritto. Sottolineo che chi compra Opzioni, sia CALL che PUT, ha come massimo rischio di perdita potenziale il premio che viene pagato all’inizio.

Questo comporta dei vantaggi.

Attenzione però: se sei un principiante potresti rischiare di incorrere in pericoli gravissimi. Prima di comprare ma soprattutto prima di vendere Opzioni, bisogna sapere perfettamente che cosa si sta facendo. Assicurati quindi di capire alla perfezione il funzionamento delle Opzioni prima di cimentarti col soldo vero. Vai su Traging0Strees e scopri cosa fare. 

Trading Opzioni Italia: quali sono i vantaggi del Trading in Opzioni regolamentate? 

  • Leva finanziaria
    L’investitore ha la possibilità di moltiplicare i suoi profitti se il mercato dovesse rispettare la previsione 
  • Costi

    Il premio pagato per assicurarsi il diritto di esercizio è nettamente inferiore rispetto al controvalore complessivo del sottostante. 

  • Possibilità di coprire posizioni su sottostanti a basso costo

    Ma non come mero hedging. Infatti il premio pagato è una perdita massima. Puoi proteggerti con delle strategie correttive secondo lo stile degli americani come spiegato in Trading0Stress. 

  • Perdite Limitate

    Quando compri Opzioni la perdita massima ammonta al premio pagato all’inizio.

  • Versatilità

    Le Opzioni permettono di ridurre considerevolmente i rischi anche quando si fa il writer, e quindi si vendono le opzioni CALL e PUT. Una strategia parecchio usata dai grandi del settore, come Warren Buffet, è quella di vendere un’opzione su un sottostante che già si possiede. Si tratti di azioni, indici o titoli in generale, funziona sempre allo stesso modo. L’importante è che il sottostante in possesso combaci con l’opzione venduta.

Lo so: quanto spiegato fino a qui può sembrare complicato. Ma fidati che dal momento in cui si entra nel mood giusto, il mondo delle Opzioni Regolamentate offre a chi le utilizza la soluzione a svariati problemi. 

Quali sono i rischi specifici del Trading in Opzioni Regolamentate? 

  • Volatilità

    Chi si approccia alle opzioni senza utilizzare delle strategie professionali si imbatte in un mercato altamente volatile. Questo significa che se non sei istruito a dovere la probabilità di vedere la tua opzione giungere a scadenza senza nessun valore è alta. In questo caso l’investitore perde i soldi del premio più le eventuali commissioni. 

  • Attenzione all’esercizio delle Opzioni

    Se si porta un’opzione a scadenza si può andare incontro ad un regolamento in denaro. In quel caso bisognerà saldare il differenziale o consegnare l’equivalente in attività sottostante. Questo processo è particolarmente riferito a chi vende opzioni. Quando le Opzioni hanno per oggetto i future si rischia di andare incontro all’assunzione di posizioni future. In sostanza: detenere un’opzione è assai diverso dal detenere un future. Nel caso in cui, quindi, l’opzione su un future giunga a scadenza, i margini di garanzia saranno adeguati secondo le regole dei future, e non più delle opzioni.

    Bisogna prestare attenzione a questo concetto se si decide di vendere opzioni. Le Opzioni Regolamentate sono strumenti complessi proprio per i motivi annessi ai rischi elevati di chi decide di vendere opzioni, al posto di comprarle. Nel corso Trading0Stress, invece, si utilizzano delle strategie che puntano a preservare il tuo capitale. Assicurati di sapere cosa stai facendo prima di cimentarti nell’investimento con le Opzioni Regolamentate. 

  • Il Prezzo di acquisto

    Comprando un’opzione ad un prezzo lontano da quello effettivo del sottostante perché risulta conveniente esercitare a quello strike price, deve tenere in considerazione che la probabilità che il mercato si evolva a nostro favore entro la data di scadenza diminuiscono proporzionalmente alla differenza di prezzo. Più lontano dal prezzo del sottostante verrà aperta l’opzione, più remota è la possibilità che si possa chiudere l’investimento in profitto. 

  • La Leva come svantaggio

    Infatti, soprattutto per chi vende le Opzioni, la leva può rivelarsi un’arma a doppio taglio. Vero è che chi vende opzioni incassa il premio, ma è altrettanto vero che se l’opzione andasse contro la sua previsione, dovrà pagare il controvalore del sottostante moltiplicato per la leva del contratto. 

  • Rischio di perdere il capitale

    Chi investe in opzioni non può avere nessuna garanzia che il suo capitale non sia a rischio. Proprio per la complessità di questi strumenti finanziari è necessario sapere che chi fa trading e investimenti sui mercati finanziari sottopone il proprio capitale di investimento a rischio nel caso in cui la previsione si rivelasse essere sbagliata. 

  • Si può perdere anche più di quanto si è investito

    Per questo è necessario studiare bene prima di addentrarsi nell’utilizzo di questi strumenti. Il Corso in Opzioni Regolamentate potrà svelarti come usare delle strategie altamente preservative e come gestire i propri capitali come i professionisti. Molti si questi rischi sono legati all’esercizio delle Opzioni. 

  • Forex

    Nel caso di valute altamente volatilità può sventrare il rischio valutario. Nel caso dei contratti denominato in € il rischio valutario è pari a 0.

  • Tassi di Interesse

    I tassi influenzano il prezzo delle opzioni proprio perché determinano il prezzo delle obbligazioni. Una variazione dei tassi ha impatto sul prezzo delle opzioni. 

  • Rischio di Non Reddito

    Le opzioni non garantiscono un profitto assicurato, ma solo un potenziale guadagno in base alle variazioni del prezzo del sottostante e alla correttezza dell’analisi. 

Trading Opzioni Italia: altri rischi sistematici quando si fa trading in Opzioni. 

Quando decidiamo di fare trading in Opzioni bisogna stare attenti a prendere alcuni accorgimenti. 

  • Termini e Condizioni del Contratto:

    Attenzione che quando si sceglie una piattaforma per commerciare Opzioni è importante prendere visione di tutti i termini e la condizioni che si sottoscrivono con il Broker con cui si intende operare. Bisogna in particolare prendere visione delle condizioni relative all’obbligo della consegna e alla ricezione dell’attività sottostante nel caso dei futures. Prestare attenzione sia alla scadenza che alle modalità di esercizio. Bisogna sempre tenersi aggiornati perché in alcune circostanze di mercato la Clearing House, ente che regolamenta il commercio di Opzioni o qualunque altro organo di vigilanza, potrebbero introdurre dei cambiamenti normativi che riguarda il mondo del commercio delle Opzioni. 

  • Condizioni di illiquidità e sospensione o limitazione degli scambi:

    Questo può avvenire nel caso di alcune specifiche condizioni di illiquidità del mercato e a causa di alcune regole relative a particolari mercati (come la sospensione della contrattazione di taluni strumenti in determinate circostante) si può andare incontro a delle perdite che comporterebbero il dover neutralizzare o liquidare le posizioni in essere. Quando si parla di posizioni in cui si sono vendute le opzioni, i rischi di perdere denaro possono diventare considerevoli. In qualunque caso in cui il prezzo del sottostante si assente per qualsivoglia motivo, non si può garantire una valorizzazione del contratto derivato in quanto il giudizio sulla significatività del contratto derivato diventa difficile. 

  • Rischi legati al cambio:

    Tutti i guadagni o le perdite registrati in una valuta diversa rispetto a quella di riferimento (EUR nel nostro caso) risentono dei rischi sabato alla variazione dei tassi di cambio tra le coppie di valute. Questo parametro deve quindi essere tenuto in considerazione in relazione all’andamento del prezzo delle valute. 

trading opzioni italia

Gli orari di negoziazione delle Opzioni Regolamentate 

L’asta di apertura è fissata tra le 8:30 e le 9:00
La Fase di Negoziazione continua va dalle 9:01 alle 17:50. 

Differenza tra Opzioni Europee e Opzioni Americane 

Abbiamo già avuto modo di anticipare che esistono due tipologie di Opzioni Regolamentate: quelle europee e quelle americane. 

  • Le Opzioni Europee sono quel particolare tipo di opzioni che possono esercitarsi alla una volta giunti alla scadenza. Questo tipo di opzioni prevede liquidazione in contanti e sono le Opzioni con cui si investe sugli Indici. 
  • Le Opzioni Americane, invece, sono quel particolare tipo di opzioni che si possono esercitare entro la data di scadenza. Questo significa che in tutto l’arco temporale che va dall’apertura del mio investimento, fino alla data di scadenza, io posso esercitare il mio diritto di acquisto. Questo tipo di opzioni prevedono la liquidazione, e quindi la consegna fisica del sottostante. Tutte le opzioni su Azioni, come Tesla, Apple o Amazon, sono delle Opzioni di tipo Americano. 

Glossario Opzioni Regolamentate Italia 

Ci sono tre sigle che bisogna tenere a mente quando si parla di Opzioni Regolamentate: 

  • ATM acronimo di At the money: sono le opzioni il cui strike price equivale al valore, e quindi del prezzo, del sottostante.
  • ITM acronimo di In the money: sono le opzioni il cui strike price è superiore (nel caso delle PUT) o inferiore (nel caso delle CALL) al prezzo del sottostante a cui si riferiscono.
  • OTM acronimo di Out of the money: sono le opzioni il cui strike price è superiore (nel caso delle opzioni call) o inferiore (nel caso delle opzioni put) al prezzo del sottostante a cui si riferiscono.

Quali fattori influenzano l’andamento delle Opzioni? 

In base alla tipologia di Opzioni diremo che: 

Le Opzioni Call verranno influenzate in maniera positiva dal: 

  • valore del prezzo di sottostante
  • il tempo
  • la volatilità
  • il tempo alla scadenza
  • i tassi di interesse

Le Opzioni Call sono influenzate negativamente da: 

  • strike price 
  • dividendi 

Le Opzioni Put sono influenzate in maniera positiva da:

  • tempo della scadenza
  • dividendi
  • strike price
  • volatilità

Le Opzioni Put sono influenzate in maniera negativa da:

  • tassi di interesse
  • eventuale apprezzamento del sottostante 

Come funziona l’esercizio anticipato delle Opzioni? 

Tutte le Opzioni che vengono scambiate sull’IDEM, si possono esercitare online in maniera gratuita. 

Le Opzioni negoziate invece sull’Euronext si potranno esercitare pagamento una commissione che ammonta ad 11€ per ogni lotto. 

Le Opzioni americane, invece, si possono esercitare sempre dietro pagamento di una commissione. 

Trading Opzioni Italia: esercizio a scadenza delle Opzioni

Dal momento in cui le opzioni su titoli azionari scadano in ITM, verranno esercitate in maniera automatica. 

Per le Opzioni sugli Indici, come avevamo avuto modo di accennare, l’esercizio avviene in contanti. Questo sulla base della differenza tra il prezzo di esercizio dell’opzione e il valore effettivo a scadenza (detto anche di regolamento) dell’indice. 

Opzioni Regolamentate Trading: cosa sono le greche? 

Quando si parla di greche ci riferiamo agli indicatori di sensibilità del prezzo di ogni opzione. Saranno quindi proprio le greche i parametri e i valori che influenzeranno il prezzo delle opzioni. Queste greche sono. Nel corso ci sono ben 3 lezioni dedicate alle greche. In linea di massima abbiamo: 

  • Delta

    Il delta è quella variabile che ci permette di esaminare la variazione istantanea del prezzo dell’Opzione ad ogni variazione unitaria del prezzo del sottostante di riferimento. Il Delta ha un valore che oscilla tra 0 e 1 nel caso in cui si tratti di Opzione Call, e tra 0 e -1 nel caso delle Opzioni Put. Quando si apre un’opzione in Otm il prezzo è più tendente a 0. Se si apre un’opzione in ITM il prezzo tende a 1. Quando si apre un’opzione ATM, e quindi al prezzo di mercato, il Delta deve essere intorno a 0,50. Ci sono altri due parametri che portano il delta a variale: la volatilità e il prezzo di scadenza. 

  • Gamma

    Il Gamma ci mostra la variabilità del Delta in base alla variazione del valore del prezzo del sottostante. In questo caso il Gamma sarà al massimo per le Opzioni At The Money, mentre scenderà per le Opzioni in ITM e OTM. Quando un’opzione si avvicina alla scadenza, il Gamma tende ad aumentare di valore. Il Gamma varia in base alla volatilità. Se si sta comprando un’opzione il Gamma sarà positivo, se si vende un’opzione il Gamma sarà negativo. 

  • Theta:

    Si tratta di quella greca che ha lo scopo di quantificare la sensibilità del prezzo dell’opzione in funzione al trascorrere del tempo. Il Theta tende ad aumentare a mano a mano che un’Opzione si avvicina alla scadenza. Questo comporta che chi compra opzioni vede nel Theta uno svantaggio. Quando si compra un’opzione, infatti, è necessario guadagnarsi un vantaggio statistico sfruttando il Theta come parametro d’analisi. Nel corso Trading0Street lo strategyst in Opzioni Ettore Ciampa ci spiega alla perfezione come guadagnare vantaggio sui mercati dallo studio del Theta. Il Theta favorisce il venditore di Opzioni, che spera che il prezzo dell’Opzione si svaluti prima possibile. 

  • Vega

    Si tratta di quella greca che misura le variabilità del prezzo in base alla volatilità dei mercati. Quando la volatilità tende ad aumentare, i prezzi delle Opzioni Call o Put che siano, tendono ad aumentare. Quando il valore diminuisce, collateralmente le Opzioni costeranno meno. Il Vega tende a diminuire a mano a mano che si porta l’opzione a scadenza. 

  • Rho

    La greca che misura il variare del valore delle Opzioni in funzione al variare dei tassi di interesse. 

Strategia in Opzioni: alcuni accenni chiave 

Trading Opzioni Italia: lo Straddle

Una delle strategie comunemente utilizzato si attua nel momento in cui si acquista e si vende simultaneamente un’opzione Call e un’opzione PUT in ATM con la stessa scadenza e lo stesso strike. Esistono due tipi di straddle: il long straddle e lo short straddle. 

Quando si investe con un long straddle il trader punta a generare profitto dalla volatilità del mercato. Infatti più il prezzo del sottostante si muoverà, più speranze ci saranno di chiudere il proprio investimento in profitto. In questo caso la massima perdita realizzata equivale alla somma pagata per comprare l’opzione Put e l’opzione Call. 

Quando invece si investe in uno short straddle chi investe si aspetta il prezzo rimanga fermo a lungo, almeno fino alla scadenza delle Opzioni. Così facendo il guadagno massimo equivale alla somma dei due strike pagati da chi ha comprato. Il massimo rischio è illimitato nel caso in cui il prezzo salisse all’infinito o nel caso in cui arrivasse a zero. 

SpreadTrading sulle Opzioni: 

Per comodità divideremo lo Spread Trading in Opzioni in:

Trading Opzioni Italia: Call Spread

In questo caso si compra e si vende una call simultaneamente alla medesima scadenza. 

La Call che si compra dovrà essere At The Money, quella che si vende deve essere Out The Money. Questa strategia si usa nel caso in cui si pensa che il prezzo del sottostante salirà moderatamente in un periodo breve. In questo caso sia il guadagno che le perdite sono limitati. 

Quando alla scadenza il prezzo è superiore allo strike l’investitore andrà ad esercitare l’opzione Call e viene assegnato lo Short. In questo caso il guadagno massimo deriva dalla differenza tra i due prezzi sottratto la spesa iniziale pagata. La maggior perdita massima, nel caso peggiore, si registrerà dal momento in cui il prezzo del sottostante, alla scadenza, è sopra allo strike e si calcola dalla differenza tra il prezzo pagato per acquistare la PUT e il prezzo incassato per la vendita. Si tratta di concetti che richiedono delle dimostrazioni pratiche e che difficilmente possono esaurirsi per iscritto. Chiedi ora informazione sul corso Trading0Stress.

Trading Opzioni Italia: Put Spread

Il Put Spread si attua quando si acquista e si vende simultaneamente un’opzione alla stessa scadenza. In questo caso la PUT deve essere in ITM, mentre quella che si vende deve essere in OTM. Se si immagina che il prezzo del sottostante, nel breve periodo, possa deprezzarsi moderatamente, si può investire in questo tipo di struttura. Il guadagno si otterrà dal momento in cui il prezzo del sottostante, alla scadenza, sarà inferiore al prezzo dello strike. A qual punto l’investitore esercita la componente long e con ogni probabilità sarà assegnato per lo short. La differenza tra i due prezzi dello strike, tolto il prezzo iniziale pagato per aprire la struttura, è il guadagno massimo che possiamo ottenere. 

Nella peggiore delle ipotesi, invece, la perdita si ha quando il prezzo del sottostante giunge a scadenza ad un prezzo superiore rispetto al nostro strike. A quel punto la perdita sarà data dalla differenza tra il prezzo pagato per comprare la put e lo strike incassato dalla vendita dell’altra put. 

Trading Opzioni Italia: il Calendar Spead

Se il mercato lateralizza si può utilizzare questa strategia con opzioni regolamentate che ci permette di sfruttare anche questa evenienza del mercato Trattasi divina strategia che comporta la vendita di una opzione con una scadenza prossima, e l’acquisto simultaneo di un’opzione, con lo stesso strike ma con una scadenza più lontana rispetto alla prima. Si tratta quindi di una struttura che si forma con due opzioni con segno opposto, ma che hanno strike uguale e diversa scadenza. Il tempo in questo caso è uno dei valori chiave delle opzioni, come abbiamo avuto modo di vedere.

Ora maggiore è il tempo di scadenza, maggiori sono le probabilità che l’investimento possa chiudersi con un profitto. In questo caso succede che quando il mercato lateralizza, l’opzione short, che è quella che scade per prima, perderà potenzialmente più valore rispetto all’opzione in cui si è long, ossia l’opzione con scadenza più lontana. Quando scade la prima opzione, si chiude simultaneamente anche l’altra, incassando la differenza di prezzo.

Se invece si pensa che il mercato rimarrà laterale, si può tenere aperta la posizione long e aprire un’ulteriore posizione short ma con scadenza prossima. Quando il mercato non è laterale, succede che l’opzione con una scadenza più prossima aumenterà di valore in maniera più convinta rispetto all’opzione con scadenza più lontana. Questo significa che lo spread diventa negativo, e per questo motivo alla fine della corsa si otterrà una perdita. 

opzioni regolamentate

Trading con Opzioni con l’utilizzo del Butterfly 

Si tratta di una struttura composta da 4 opzioni. Quando parliamo di una Long Call Butterfly, si parla di una struttura composta da due Opzioni CALL sell a strike medio, e due Opzioni CALL in Buy, una con strike basso e l’altra con strike più alto. In questo caso l due opzioni sono ATM e dovranno quindi essere venduta una in ITM e l’altra OTM. I profitti si generano se, alla scadenza, il prezzo del sottostante è rimasto prossimo al corpo della butterfly. Chi usa questo particolare tipo di strategia lo fa per ottenere un profitto da una previsione corretta sul prezzo del sottostante alla scadenza. In questo specifico caso l’investitore non ha aspettative rialziste o ribassiste sul mercato.

In questo caso si registrerà la massima perdita dal momento in cui il prezzo del sottostante andrà fuori dal valore delle ali. Se il prezzo è inferiore allo strike le Opzioni scadranno senza valore. Se il prezzo è superiore allo strike, ed è quindi più alto, le opzioni verranno esercitate per compensare tutti gli altri prodotti. La perdita massima che possiamo registrare è uguale alla somma dei premi che abbiamo dovuto comprare per comprare le nostre opzioni (ovviamente al netto dei soldi ricevuti per quelle che sono state vendute) 

Il profitto massimo, in questo caso, si otterrà quando alla scadenza il prezzo del sottostante sarà uguale o prossimo a quello dello strike medio. Questo perché la Long Call che ha lo strike più basso è in ITM mentre tutte le altre opzioni andranno a scadere senza valore. Il profitto ammonterà quindi alla cifra che si ottiene dalla differenza dello strike più basso e lo strike medio (ala o corpo che sia della Butterfly), sottratto il premio pagato per aprire la posizione a mercato. 

Trading Opzioni Italia: Iron Condor

Si tratta di una strategia di trading in opzioni che si può utilizzare dal momento in cui ci si aspetta che il mercato rimanga all’interno di un range ben definito. In questo caso si andrà a vendere una call con uno strike price più vicino possibile al prezzo di mercato, acquistando una call con uno strike price più lontano rispetto al valore di mercato del sottostante. La differenza che c’è tra il premio pagato e il premio che abbiamo incassato dovrà essere positiva. La stessa cosa si può fare con le Opzioni Put.

In quel contesto venderemo un Put con uno strike price possiamo al prezzo di mercato del sottostante, e acquisteremo una Opzione con uno strike price più lontano.  In questo caso funziona allo stesso modo. Ciò significa che dal momento in cui il valore del sottostante rimane dentro il range che abbiamo delineato dai due strike vicini, si andrà ad incassare il credit spread. 

Borsa Opzioni Trading Italia: chi mette a disposizione le Opzioni regolamentate? 

i market maker sono coloro i quali dispongono delle autorizzazione per permettere agli utenti di commerciare Opzioni Regolamentate. Essi hanno degli obblighi di quotazione ben precisi in merito a: 

  • serie
  • scadenze
  • spread massimo consentito nel tempo 
  • quantità minima acquistabile

Allo stato attuale sono 20 i market maker che soddisfano la richiesta degli utenti retail che vogliono iniziare a commerciare Opzioni Regolamentate. 

Dettagli approfonditi puoi trovarli sul sito di borsaitaliana.it

Vuoi diventare un professionista in Opzioni? 

VOGLIO SCOPRIRE COME FARE TRADING CON ZERO STRESS

Trading opzioni Italia: migliori Broker Opzioni in assoluto

Per un’esperienza nella compravendita di Opzioni che sia seria e regolamentata, ti consigliamo il Miglior Broker Opzioni: affidati a Interactive Brokers tramite il supporto in Italiano Mexem, o a Degiro.


Leggi anche

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments