Test Nucleari: gli USA preparano la Terza Guerra Mondiale?

0
135
test nucleari USA trump

Test Nucleari: l’amministrazione Trump ha discusso se condurre il primo esperimento nucleare negli Stati Uniti dal 1992, La mossa avrebbe conseguenze di vasta portata per le relazioni con altre potenze nucleari. Si invertirebbe una moratoria decennale su tali azioni. A dirlo un alto funzionario dell’amministrazione e due ex funzionari che hanno familiarità con le deliberazioni.

Ma vediamo i dettagli.

Test Nucleari: l’America si prepara per la Guerra?

La questione è emersa in una riunione di alti funzionari che rappresentavano le principali agenzie di sicurezza nazionali. L’incontro è avvenuto il 15 maggio. La riunione è stato indetta a seguito delle accuse dei funzionari dell’amministrazione che Russia e Cina stanno conducendo test nucleari a basso rendimento. Purtroppo, però, questa affermazione non è stata dimostrata da prove disponibili al pubblico. Sia Russia che Cina hanno negato.

Cosa sta accadendo?

Un alto funzionario dell’amministrazione, che come altri ha parlato a condizione di tutela dell’anonimato ha descritto le delicate discussioni nucleari. Infatti ha affermato che dimostrare a Mosca e Pechino che gli USA potrebbero “testare rapidamente” potrebbe rivelarsi utile dal punto di vista negoziale. Washington cerca un accordo trilaterale per regolare gli arsenali delle più grandi potenze nucleari.

L’incontro non si è concluso con alcun accordo per condurre un test, ma un alto funzionario dell’amministrazione ha dichiarato che la proposta è “molto una conversazione in corso“.

Un’altra persona che ha familiarità con la riunione, tuttavia, ha dichiarato che alla fine è stata presa la decisione di adottare altre misure in risposta alle minacce poste dalla Russia e dalla Cina. L’intento dovrebbe essere quello di evitare una ripresa dei test.

Test nucleari: cosa dice Trump?

Trump si difende tirando fuori dal trattato Open Skies con la Russia

Il presidente Trump il 21 maggio ha difeso il ritiro dal trattato trentennale progettato per ridurre le possibilità di una guerra accidentale tra Stati Uniti e Russia.

Il Consiglio di sicurezza nazionale ha rifiutato di commentare.

Test Nucleari: le divergenze

Durante l’incontro, sono emerse gravi divergenze sull’idea, in particolare dall’amministrazione nazionale per la sicurezza nucleare.Questo sempre secondo due fonti che hanno familiarità con le discussioni. L’NNSA, un’agenzia che garantisce la sicurezza delle scorte di armi nucleari della nazione, non ha risposto a una richiesta di commento.

Gli USA non hanno condotto un’esplosione di test nucleari dal settembre 1992. I sostenitori della non proliferazione nucleare hanno avvertito che farlo ora potrebbe avere conseguenze destabilizzanti.

Il segretario alla Difesa Mark T. Esper ha dichiarato che

la Russia “tradisce da molti anni” il trattato sui cieli aperti

La dichiarazione risale ad un’audizione del marzo 2020 davanti alla commissione per i servizi armati del Senato.

“Sarebbe un invito per altri paesi armati nucleari a seguire l’esempio”

ha affermato Daryl Kimball, direttore esecutivo della Arms Control Association.

“Sarebbe la pistola di partenza per una corsa agli armamenti nucleari senza precedenti.
Interromperesti anche i negoziati con il leader nordcoreano Kim Jong Un, che potrebbe non sentirsi più obbligato a onorare la sua moratoria sui test nucleari “.

test nucleari

Esperimenti Atomici: alcuni passi della storia del nucleare USA

Gli USA rimangono l’unico paese ad aver dispiegato un’arma nucleare durante la guerra. Dal 1945 almeno otto paesi hanno condotto collettivamente circa 2.000 test nucleari, di cui oltre 1.000 sono stati effettuati dagli Stati Uniti.

Le conseguenze ambientali e relative alla salute dei test nucleari hanno spostato il processo nel sottosuolo, portando alla fine a una moratoria quasi globale sui test in questo secolo, ad eccezione della Corea del Nord.

Le preoccupazioni per i pericoli dei test hanno spinto più di 184 nazioni a firmare il Trattato globale sul divieto dei test nucleari , un accordo che non entrerà in vigore fino a quando non sarà ratificato da otto stati chiave, tra cui gli Stati Uniti.

Il presidente Barack Obama ha sostenuto la ratifica del CTBT nel 2009, ma non ha mai realizzato il suo obiettivo. L’amministrazione Trump ha dichiarato che non avrebbe cercato la ratifica nella sua Revisione posturale nucleare del 2018.

Esperimenti nucleari nel mondo

Tuttavia, le principali potenze nucleari rispettano il suo divieto fondamentale di testare.

Ma gli USA, negli ultimi mesi, hanno affermato che la Russia e la Cina hanno violato lo standard del “rendimento zero“. Avrebbero condotto test a resa estremamente bassa o sotterranei, non il tipo di test di resa a molti chilotoni con nuvole di funghi associate alla guerra fredda. Russia e Cina negano l’accusa.

Da quando ha stabilito una moratoria sui test nei primi anni ’90, gli USA hanno assicurato che le sue armi nucleari sono pronte per essere schierate. L’intento è quello di condurre quelli che sono noti come test subcritici. Si tratta di esplosioni che non producono una reazione a catena nucleare ma possono testare componenti di un’arma.

Dove e come si svolgono i Test?

Lo scopo principale dei test nucleari è stato a lungo quello di verificare l’affidabilità di un arsenale esistente o provare nuovi progetti di armi.

Ogni anno, i massimi funzionari statunitensi, compresi i capi dei laboratori nucleari nazionali e il comandante del comando strategico statunitense, devono certificare la sicurezza e l’affidabilità delle scorte senza test.

L’amministrazione Trump ha affermato che, diversamente dalla Russia e dalla Cina, non sta perseguendo nuove armi nucleari. Si riserva, però, il diritto di farlo se i due paesi si rifiutano di negoziare i loro programmi.

Le deliberazioni su un’esplosione di un test nucleare arrivano mentre l’amministrazione Trump si prepara a lasciare il Trattato sui cieli aperti. Si tratta di un patto entrato in vigore nel 2002 progettato per ridurre le possibilità di una guerra accidentale. L’idea era quella di consentire la ricognizione reciproca dei voli per i membri dell’accordo di 34 paesi.

Il ritiro degli USA dagli accordi

Il ritiro programmato segna un altro esempio dell’erosione di un quadro globale di controllo degli armamenti che Washington e Mosca hanno iniziato a sgretolare minuziosamente durante la guerra fredda.

L’amministrazione Trump ha ritirato un patto del 1987 con la Russia che governava i missili a raggio intermedio, citando le violazioni di Mosca. Si è ritirata da un accordo nucleare del 2015 con l’Iran, dicendo che Teheran non era all’altezza dello spirito di esso.

Il principale pilastro rimanente del quadro di controllo degli armamenti tra USA e Russia è il nuovo patto START. Questo patto pone limiti alle piattaforme nucleari strategiche.

L’amministrazione Trump ha spinto a negoziare un accordo di follow-on che includa la Cina oltre alla Russia. Finora la Cina ha respinto le richieste di colloqui.

L’inviato presidenziale di Trump per il controllo degli armamenti, Marshall Billingslea, ha avvertito che la Cina è il “mezzo” di un importante accumulo del suo arsenale nucleare.

Ecco le parole:

“intento a costruire le sue forze nucleari e usare quelle forze per cercare di intimidire gli USA e i nostri amici e alleati “.

Un funzionario americano ha affermato che un test nucleare spingerebbe i cinesi a unirsi a un accordo trilaterale con gli USA e la Russia.

Alcuni sostenitori della non proliferazione affermano che tale mossa è rischiosa.

“Se questa amministrazione crede che un’esplosione di test nucleari e una propensione nucleare costringeranno i partner negoziali a fare concessioni unilaterali, questo è uno stratagemma pericoloso”,

ha detto Kimball.

Una versione precedente di questa storia avrebbe dovuto dire che dal 2000 si sono condotti circa 2000 test nucleari nel mondo.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments