⚫️ TELEGRAM BLACK – Ecco la parte illegale della nota app di messaggistica

0
6074

La parte nera di Telegram. Società israeliana conduce un’inchiesta

La ricerca è stata pubblicata su Check Point Software Technologies. Si tratta del canale di informazione di una nota società israeliana che si occupa di sicurezza informatica.

Lo studio ha rivelato come Telegram, la nota app di messaggistica mobile nata nel 2013, abbia ormai registrato una diffusione non indifferente. Il problema subentra laddove, assieme alla fortissima diffusione di questi ultimi anni, l’app venga utilizzata come canale di comunicazione per hacker e terroristi.

Non a caso, infatti, Telegram sarebbe diventata la fucina di attività illecite, con l’intento di sfuggire alle autorità.

Vediamoci chiaro

Le autorità di tutto il mondo avevano da anni, ormai, messo sotto torchio i classici canali di comunicazione degli hacker. Telegram ha offerto a questi ultimi la possibilità di usufruire di nuovi spazi dove poter agire indisturbati.

A quanto pare Telegram sarebbe una delle piazze preferite dai criminali del pianeta per compiere atti illeciti.

Tramite Telegram si possono sfruttare quei messaggi di ricerca personale di aziende o banche che permettono di ottenere informazioni private e dati sensibili. Mediante ciò si possono condurre attacchi ai danni della medesima organizzazione.

Secondo lo studio la facilità di utilizzo e la sicurezza di Telegram permettono agli utenti di aiutare le community di hacker a colpire le aziende. Inconsciamente anche gli stessi dipendenti potrebbero aiutare inconsapevolmente i criminali del web.

Come funziona?

La chat presenta delle differenze con WhatsApp. La sua larga diffusione in tutto il mondo è dovuta al livello maniacale di sicurezza che la rende più riservata e meno accessibile. Ci si ritrova innanzi dunque, ad una valida alternativa ai forum segreti tipici del Dark Web.

Gli hacker mantengono la propria identità celata grazie alle chat pubbliche e private che si servono del sistema crittografico end-to-end.

Un esempio pratico:i cosiddetti “canali” telegram possono essere utilizzati per trasmettere un numero illimitato di messaggi a un numero altrettanto illimitato di iscritti. Sui canali è possibile visionare l’intera cronologia della messaggistica. Le risposte ai messaggi privati, invece, rimarrà celata.

Questa particolarità di Telegram e assai amata dagli hacker che possono quindi usufruire di chat private crittografate end-to-end per scambiare i propri messaggi.

La parte black di telegram

Una ricerca ha fatto emergere svariati canali clandestini. Tra questi citiamo “Dark Jobs”, “Dark Work” e “Black Markets”.

Dark Job” contiene offerte di lavoro illecite. Ogni annuncio è contrassegnato con un codice colore. Quando l’offerta riguarda un lavoro particolarmente pericoloso a livello legale, sarà contrassegnata da un bollino nero ⚫️.

Se la pericolosità diminuisce avremo un bollino rosso 🔴 oppure bianco ⚪️.

Il commercio illegale

In alcuni canali dedicati alle vendite possiamo trovare strumenti di hacking o documenti falsificati.

Un esempio eclatante è, sicuramente, il canale di un utente che ha dichiarato di avere connessioni all’interno del Dipartimento di Polizia Stradale Russa. Grazie a questo sarà quindi in grado di rilasciare o aggiornare patenti di guida falsate di tutte le categorie.