Strategie di trading: costruire la strategia passo per passo

0
54
strategie di trading

Le strategie di trading sono la base per iniziare una coscienziosa carriera da trader o investirore. In qualsiasi ambito intendiamo operare per rendere profittevoli i nostri capitali, non può mancare una logica.

Introduciamo le strategie di Trading

Ciascuna persona che si accosta agli investimenti deve prima pensare a costruire una strategia. Immagina se arrivassero dei muratori in un terreno e iniziassero a mettere mattoni e cemento alla rinfusa, senza un piano, senza seguire un progetto. Quale sarebbe il risultato? Si, stai pensando proprio bene: una porcata. Per questo motivo è necessario tenere bene a mente che se si vuole iniziare a muovere i primi passi negli investimenti finanziari, è necessario costruire una strategia di Trading adeguata alle circostante.

Tutti i trader che guadagnano hanno una strategia. I trader che guadagnano di più hanno chiaramente una strategia di Trading vincente e performante, i trader che guadagnano di meno hanno una strategia di Trading meno valida o che, comunque, va perfezionata. Chi invece non utilizza nessuna strategia è destinato a perdere tutti i soldi, senza possibilità alcuna di poter diventare profittevole, a meno che non si cambi registro.

Esiste una strategia di trading per tutti?

La risposta è no! Ciascun trader costruisce la sua strategia sulla base di tre fattori essenziali:

1. Tempo
2. Capitale
3. Tipologia di Investimento

Infatti in questo settore le possibilità d’azione sono plurime e ciascuno può scegliere lo strumento adatto a se, dopo la comprensione delle caratteristiche e del funzionamento. Questo significa che chi opererà sul Petrolio, avrà una strategia di trading diversa da chi opera sul mercato delle valute. Questo per dire che non esiste, quindi, un sistema di trading univoco. Esistono varie strategie di trading e varie tipologie di analisi. La verità è che alla base delle strategie vincenti, però, vi sono sempre gli stessi tre identici fattori. O meglio, discipline: l’analisi tecnica, le cause (analisi fondamentale), e l’analisi ciclica.

Ci occuperemo, adesso, di approfondire quali sono i fattori che ti permetteranno di costruire da subito una strategia di investimento vincente che ti porterà ad ottenere dei risultati nel futuro prossimo e che, comunque, ti forniranno la forma mentis necessaria per diventare un investitore di successo.

Impara a capire quali sono la strategie di Trading online più adatta alla tua persona

strategie di trading

Per capire bene questo passaggio è necessario rinfrescare la memoria sintetizzando cos’è il trading. Il trading è quella attività speculativa che permette ad un investitore di generare profitto dalle oscillazioni dei mercati finanziari. Si tratta di un’attività che permette all’investitore di generare grandi profitti, ponendolo però ad un alto livello di rischio. In questo caso il rischio è proprio quello di perdere il proprio capitale investito. Quindi bisognerà capire anche in base agli strumenti su cui si intende speculare. In questo caso bisognerà valutare strategie di trading sul forex ad esempio o sulle commodities.

Ogni investitore e trader ha la sua strategia. Esistono, infatti, vari modi che possono essere utilizzati per compiere delle speculazioni di mercato. Operare a mercato è il mezzo che l’investitore ha a disposizione per raggiungere gli obiettivi che si è posto nel medio lungo termine. Infatti sono due le cose che non si possono fare:

– diventare ricchi in mezza giornata
– guadagnare senza fare nulla

Leggi bene queste due frasi e imparale come se fosse un mantra. Ti porteranno a risparmiare tanti soldi da qui in futuro, evitando di incappare in truffe scam che metterebbero a repentaglio i tuoi risparmi.

Strategie di trading vincenti

Il Trading è azione, e come ogni attività che prevede un’azione, non si può rimanere impassibili. Ora, come abbiamo avuto modo di accennare, un trader deve costruire la sua strategia in base a una serie di parametri che vanno presi in considerazione. Le domande che bisogna porsi sono:

– quanto tempo ho a disposizione?
– quanti soldi ho a disposizione?
– perché lo sto facendo?
– qual è il mio obiettivo finale?

Partire tanto per far qualcosa non ha senso. Non è un gioco d’azzardo, non sono scommesse sportive, non è la roulette. Qui si parla della professione più vicina al concetto di denaro, valore e scambio. Fare trading è un mestiere a tutti gli effetti, o comunque un’attività secondaria che richiede tempo, passione e disciplina. In base a quelli che sono i tuoi obiettivi andrai a stabilire la strategia di trading adatta a te stabilendo tutte le regole del caso, il paniere di strumenti da tenere d’occhio e l’investimento più adatto ai tuoi capitali e al tempo che hai a disposizione.

L’invito è quello di scegliere, dopo un periodo di riflessione, che tipo di trader si vuol diventare, e da li adattare la strategia alle proprie esigenze, imparare quanto verrà spiegato nelle nostre lezioni e godersi l’esperienza di trading in pieno relax.

Le Strategie di trading di breve e di medio periodo

Quando si parla di trading di breve o di medio periodo si parla di investimenti sul mercato azionario o sul mercato dei future. In genere la durata dell’arco temporale che intercorre tra l’ingresso a mercato e la chiusura del proprio investimento è ridotta. Si va dalle poche ore a qualche giorno. Come nel caso di chi considera strategie di trading intraday.

Chiaramente quando parliamo di strategie di trading a breve termine o di medio periodo bisogna sempre calcolare che si tratta di un’operatività molto rischiosa. I mercati, essendo sensibili anche alla minima fluttuazione, possono essere influenzati da fattori ai più ignoti. Perché si tratta di fattori ignoti? Perché i trader, specie quelli alle prime armi, sconoscono il funzionamento del mondo degli investimenti, e per tale motivo non collegheranno il Trading ad un’emergenza sanitaria, rispetto allo scoppio di una pandemia o al taglio della produzione di una materia prima piuttosto che un’altra.

Considerare il proprio obiettivo

Con la nascita delle criptovalute poi sono tantissimi quelli che tentano di attuare delle strategie di trading di breve periodo finendo, il più delle volte, col bruciare il proprio capitale di investimento.

Una aspetto cardine, in questo tipo di operatività, è quello di andare a costruire una strategia calcolando, di base, sia l’obiettivo che il rischio massimo che voglio assumermi. Conoscere questi parametri ti aiuterà, e non poco, a proteggere il tuo capitale da eventuali eventi di mercato che, ribadisco, il più delle volte, sono imprevedibili.

Ora riuscire in questo intento richiede dei concetti base che vanno obbligatoriamente appresi, assimilati e approfonditi.

Alcuni concetti chiave del trading di breve e medio periodo.

strategie di trading forex

1. Imparare ad avere dimestichezza con il mercato. Chi vuole costruire una strategia di trading adeguata dovrà, obbligatoriamente, imparare a capire il mercato che si trova davanti. Solo grazie allo studio si potrà capire se si tratta di un mercato con ottimo potenziale o se si tratta di un mercato che è bene tenere lontano dalla propria lente di ingrandimento. Spesso non fare un’investimento è di per se un guadagno. Questo significa che piuttosto che compromettere il vostro capitale su un mercato di cui non siete sicuri, è più opportuno evitare di operare del tutto.

2. Utilizzare una strategia incentrata sull’utilizzo delle medie mobili. Le medie mobili sono un parametro rappresentato mediante una linea di prezzo, che può essere a 10, 15, 30, 50, 100, 200, 300 periodi o giorni. Grazie alle medie mobili si potrà elaborare una previsione sull’andamento del prezzo in relazione al comportamento del prezzo stesso in passato.
3. Studiare in maniera approfondita l’analisi tecnica per riconoscere gli indicatori economici. I primi che bisogna imparare sono i, cosiddetti, pattern, piuttosto che lo studio delle formazioni e delle candele che ci permettono di avere un’idea su dove il prezzo potrà muoversi nel futuro prossimo.

4. Imparare a definire un trend di mercato e a riconoscerlo. La cosa che molti ignorano è che per far questo diventa necessario avere una visione di breve, di medio e di lungo periodo. Per imparare a definire il trend di mercato sarà necessario identificare un asset e porre la propria attenzione sui movimenti compiuti nell’arco degli ultimi mesi. Grazie a questa indicazione sarò nelle condizioni di poter capire da che parte del mercato stare anche nel caso di un investimento di breve periodo.
5. Differenziare: non si mettono mai tutte le uova in una paniere. Sarà quindi necessario identificare gli strumenti che vogliamo tenere in considerazione per non rischiare di vincolare tutto il capitale in un solo investimento.
6. Gestire il rischio è uno degli aspetti fondamentali, anche per ciò che riguarda le strategie di breve periodo.

Nelle speculazioni di medio termine il discorso rimane identico, con la sola differenza che, in quel caso, i trader tendono a tenere le proprie posizioni per più giorni a mercato. L’intento è quello di godere dell’andamento tecnico di un determinato asset per un’escursione temporale più ampia, piuttosto che godere di un vantaggio di breve periodo.

Guarda anche le nostre strategie di trading pdf scaricabili sul nostro sito.

Strategie di trading di lungo periodo

Molti trader decidono di tenere le posizioni a mercato per un periodo lungo. Ci sono trader che lasciano le proprie posizioni per più mesi e trader che lasciano le loro posizioni a mercato anche per anni. Chiaramente dietro a questo tipo di operatività c’è uno studio specialistico compiuto, che ha lo scopo di identificare tutte le caratteristiche tecniche e fondamentali di un determinato strumento con l’intento di ottenere un profitto nel tempo e in maniera graduale.

Uno dei classici investimenti di lungo periodo può essere, ad esempio, l’investimento in azioni. Alcune azioni, nello specifico, hanno una volatilità abbastanza controllata, e quindi facile da gestire e da tenere d’occhio. Facciamo un esempio: investendo oggi in Azioni Amazon, non è escluso che nel corso del tempo si potrà vedere il prezzo delle azioni crescere, senza molte sorprese.

I casi

Il tutto va fatto, però, partendo da un presupposto cardine: imparare prima tutto quello che c’è da sapere anche grazie all’utilizzo dei trading simulator, e quindi delle piattaforme di trading demo.

Parliamoci chiaro:

1. L’investimento nel breve periodo è molto più dispendioso, soprattutto per ciò che riguarda energie, impegno, tempo e reattività nel prendere le scelte.
2. L’investimento di lungo periodo, invece, richiede meno fatica. La cosa fondamentale sarà imparare a gestire sia il money management che la leva finanziaria, soprattutto per chi è alle prime armi e non ha ancora una certa dimestichezza con gli investimenti stessi.

Tutto quello che c’è da sapere per costruire una strategia di trading

4 parametri da considerare per costruire la propria strategia di trading

– se sei alle prime armi, usa una leva bassa: se vuoi imparare a gestire delle posizioni nel medio lungo periodo, il punto cardine è quello di utilizzare una size bassa. In questo modo potrai anche affrontare dei movimenti di mercato ampi che si possono verificare nel grafico giornaliero o settimanale.

– tempo e profitto: considera il tempo che ti serve per fare trading. Se fai un trading di lungo periodo ti servirà meno tempo. La cosa essenziale, però, è porsi un’obiettivo. Ossia: quanto voglio realizzare dal mio investimento? Solo così, nel trading di lungo periodo, non si rischierà di vedere le proprie prospettive disattese. Pianificare a monte è la chiave del successo.

– investire quanto si è disposti a perdere tenendo in considerazione swap e commissioni: tutti gli strumenti di trading hanno dei costi vivi che vanno considerati. Nel trading online, ad esempio, esistono gli swap, che sono quelle commissioni che vengono addebitate direttamente sul proprio investimento. Gli swap possono anche essere positivi, ma solo in pochi casi. Esistono altre commissioni per gli strumenti più specialistici. È bene che ciascun investitore approfondisca su Future, Azioni, Opzioni, Obbligazioni o ETF.

– avere un quadro chiaro sulle restrizioni del proprio paese di residenza e su come si calcolano le tasse sui proventi che vengono dagli investimenti.

Leggi anche Guadagnare con il Trading è possibile? Si, se segui 4 regole