BREXIT: PARLA LA REGINA – Nuove leggi in Regno Unito

0
58

🇬🇧 La Regina Elisabetta II nel discorso ha omesso molte tematiche 🇬🇧

 

LONDRA – Ella, la maestà che mai delude, questa volta ha deluso. Si è presentata alla camera senza la corona, con un poco sobrio vestito blu pastello. Ad accompagnarla il figlio Carlo, legittimo erede al trono. Il Principe Filippo, che di recente ha annunciato il ritiro dagli eventi pubblici, è ancora ricoverato per un’infenzione.
E in questo scenario Elisabetta II ha pronunciato un discorso sobrio, schematico. Incentrato su pochi punti, in chiaro stile May. La stampa britannica vuole, appunto, che il discorso le sia stato scritto dalla premier rieletta senza maggioranza.  La Regina si è focalizzata su pochi punti. Al centro dell’attenzione la BREXIT, vista come “obbligatoria”.

Le dichiarazioni:

“La priorità per il Regno Unito è arrivare al migliore accordo per l’uscita dalla Ue”.

I miei ministri sono impegnati a lavorare con il Parlamento, con le amministrazioni decentrate, le imprese e tutti gli altri soggetti interessati per costruire il più ampio consenso sul futuro del Paese al di fuori dell’Unione europea“.

La Regina ha reso noto che l’esecutivo May introdurrà il “Grand Repeal Bill”. Con questo atto si rimuoverà dall’ordinamento britannico il Trattato istitutivo della Comunità Europea del 1972, col quale il Regno Unito entrò nella Ue.

I cinque punti del discorso della Regina:

 

  1. Brexit
  2. Nuove politiche sull’immigrazione
  3. Le Sanzioni Internazionali
  4. La sicurezza del nucleare
  5. l’agricoltura e la pesca.La Regina non ha menzionato Donald Trump. Era atteso un accenno in merito all’imminente visita del Presidente USA.

 

E sulla Brexit?

Elisabetta ha detto che l’Inghilterra è pronta ad aprirsi al mondo e a stringere nuovi patti commerciali. 

Nonostante tutto ha ribadito l’importanza di una convivenza civile e proficua con l’Unione Europea. Sarà cercata la soluzione migliore per uscire dall’UE in maniera pacifica ed equilibrata. 

In tutto questo nessun accenno alla reintroduzione della caccia alla volpe, né tantomeno alla riapertura delle scuole di Grammatica. La Regina non ha neanche fatto accenno alla “dementia tax”, la tassa che difatti mette e carico degli anziani malati i soldi per l’assistenza sanitaria.

Contro il terrorismo

Elisabetta ha annunciato che il governo lotterà contro il terrorismo con ogni forza. Saranno aumentati i fondi destinati alla sicurezza. Il governo provvederà anche ad istituire un centro legale statale, per assistere i parenti di vittime del terrorismo o di calamità come i recenti fatti di Greenfell Tower.

Conclusione

Un discorso che, difatti, indirizza il Regno Unito verso una mild Brexit (per ogni riferimento leggere “L’Europa da Rifare” – lo trovate gratis su questo sito). La mild Brexit prevederà, dunque, accordi speciali con i partner europei. Questo garantirà all’UE accordi su libera mobilità e commercio. E gli inglesi potranno alleviare le sanzioni, con particolari politiche privilegiate sui dazi. E così, difatti, la Brexit non sarà MAI AVVENUTA.

Se ti è piaciuto l’articolo, leggine altri simili nella sezione apposita.