728x90

PETROLIO Cresce l’ottimismo, ma non basta !

Date:

Share:

I produttori di petrolio
riequilibrano il mercato

Saranno necessari nuovi tagli nel 2018?

Il mercato del petrolio è entrato in una fase di riequilibrio. I produttori stanno riuscendo nel loro intento. Mohammad Barkindo, segretario generale dell’OPEC, ha dichiarato, però, che potrebbero essere necessaria ulteriori misure per il 2018.

Attualmente al centro dell’attenzione vi è sicuramente l’intesa tra Arabia Saudita e Russia. La Russia, come gli Stati Uniti, non fa parte dell’OPEC. In questo contesto specifico, però, stati OPEC e stati NON OPEC si sono ritrovati costretti a collaborare delineando un percorso comune, con tagli alla produzione fino a marzo 2018.

I tagli possono durare oltre marzo 2018?

Si, lo fa sapere proprio Barkindo da New Delhi, come riferisce Bloomberg. I produttori di petrolio stanno proprio discutendo in questi giorni sulle misure da adottare dopo marzo 2018. La cosa certa è che si si vuole mantenere il petrolio all’interno di un range che va dai 45 ai 55$ al barile, fascia obiettivo dei paesi produttori, potrebbe essere necessario prolungare i tagli di altri sei mesi almeno.

Nella sua visita ufficiale in India, dove Barkindo ha incontrato il ministro del petrolio Pradhan, il Presidente dell’OPEC è stato chiaro:  “c’è un crescente consenso sul processo di riequilibrio è in corso”.

“La seconda considerazione è che per sostenere questo riequilibrio, potrebbe essere necessario adottare misure straordinarie per ristabilire questa stabilità in modo sostenibile”.

Ancora nulla di certo

Nessun dettaglio in più.  Barkindo non si fa sfuggire nulla proprio perché nulla ancora è certo. Si parla di generiche misure supplementari e, sicuramente, una di queste potrebbe essere un’ulteriore estensione dei tagli. Lo aveva, nei giorni passati, suggerito il Venezuela. Il problema rimane l’equilibrio tra i membri dell’OPEC. Infatti non tutti sembrano disposti ad accettare un’ulteriore taglio. L’OPEC, dal canto suo, incassa il pieno supporto da parte del Presidente Russo Vladimir Putin che si è detto: “disposto a prolungare i tagli sull’estrazione”.

Il ministro dell’energia degli Emirati Arabi Uniti Suhail Al Mazrouei si è detto ottimista, e ha lasciato ad un tweet la sua dichiarazione. In sostanza ha affermato di essere fiducioso in vista del prossimo meeting dell’OPEC. Secondo Mazrouei il meeting potrebbe portare ad un nuovo consenso tra produttori OPEC e non OPEC con lo scopo di bilanciare il mercato per il 2018.

Quando si incontra l’OPEC?

I 24 produttori che hanno accettato i tagli, aprono le porte a tutti i paesi produttori del mondo. Barkindo ha dichiarato che non sono previste riunioni straordinarie. Quindi l’OPEC si incontrerà, da calendario, il 30 novembre a Vienna.  Ed è proprio in questa occasione che gli operatori di mercato coglieranno le dichiarazioni dei paesi produttori di petrolio per capire le future che impatteranno su tutto il 2018.

Nella settimana scorsa i prezzi sono scesi del 3,3%, la più ripida caduta settimanale da giugno e sono scesi del 2 per cento quest’anno.

 

Subscribe

━ more like this

Glossario del mutuo casa: termini che devi conoscere

I mutui casa sono finanziamenti dedicati a tutti quei soggetti privati che intendono acquistare la loro prima abitazione, una seconda abitazione oppure ristrutturare un...

Quali sono i requisiti e i vantaggi dei conti online a zero spese?

I conti correnti online zero spese sono ormai la tipologia di conto bancario più diffusa; con il passare degli anni, infatti, hanno gradualmente soppiantato...

Meccanismo Europeo di Stabilità (MES): cos’è e come funziona

Il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) è un'organizzazione intergovernativa europea con sede a Lussemburgo, istituita per garantire la stabilità finanziaria nella zona euro. Il...

Buy Now Pay Later: il nuovo trend degli acquisti online

Negli ultimi anni, il modello di acquisto "buy now, pay later" (BNPL) ha guadagnato popolarità in tutto il mondo, inclusa l'Italia. Questa opzione di...

Aiuti all’Ucraina: anche il Senato USA respinge nuova richiesta

Il Senato degli Stati Uniti ha respinto in modo clamoroso la richiesta del presidente Joe Biden di ottenere nuovi aiuti all'Ucraina, rappresentando un significativo...