🛢 PETROLIO ai minimi di aprile, colpa di Cina e timori su OPEC.

Date:

Share:

Il petrolio si porta ai prezzi minimi, il Wti americano si scambia a 64,04 dollari. Tutto in attesa delle decisioni al prossimo meeting OPEC.

IN ATTESA DI VIENNA

Tra pochi giorni, il 22 giugno, nella capitale austriaca prenderà il via l’attesissimo vertice dei principali paesi produttori di petrolio. Un momento atteso dagli investitori vista l’importanza delle decisioni che dovranno essere prese in questa sede.
Un vertice che si preannuncia non senza ostacoli visto che dovrà dettare la nuova linea da seguire all’indomani dello storico accordo del 2016.
Tensioni che si riflettono, ovviamente, sui prezzi del barile che oggi viene scambiato ai minimi da aprile. Per i mercati vi è molta incertezza su come verrà bilanciata la domanda e l’offerta per il timore di nuove estrazioni che stanno portando i prezzi giù.
Sfide non facili alla luce della situazione iraniana e della crisi del Venezuela, unite al timore di un rialzo fin troppo eccessivo dei prezzi che frenerebbe la domanda.

ARABIA SAUDITA E RUSSIA

La posizione che più inciderà, in quanto paese leader dell’OPEC, è quella dell’Arabia Saudita il cui intento coincide con quello di Mosca.
Infatti i primi sarebbero pronti ad avviare un output produttivo che potrebbe variare dai 500mila al milione di barili giornalieri, mentre i russi vorrebbero arrivare a 1.5 milioni.
Proposte che hanno scosso le posizioni degli altri paesi membri, come ad esempio Iran, Iraq e Venezuela, intenzionati a mettere il veto sulla proposta.

E LA GUERRA COMMERCIALE

Non sono solo le proposte del meeting a mettere in allerta gli investitori. A pesare sulle quotazioni è anche la guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina.
Nella battaglia a suon di dazi, l’ultimo colpo sferrato dai cinesi, che inciderebbe per ben 50 miliardi, riguarda anche il greggio americano.
In tutto ciò mentre gli americani sfornano record su record riguardo produzione e impianti di estrazione.
Momento di suspense, con i prezzi che sono tornati ad adagiarsi ben più giù dei massimi toccati in questi ultimi mesi. Il Brent dopo quota aver toccato la soglia degli 80$ si ritrova giù poco sopra i 73$ al barile e il Wti che si aggira intorno ai 64$.

Subscribe

━ more like this

Corsi universitari: come studiare ingegneria online?

Gli scenari odierni permettono di valutare, nella scelta del proprio percorso universitario, alternative ai percorsi standard. E una di queste novità, prima riguardanti i...

CMC Markets: opinioni ed esperienza con il broker CFD

CMC Markets (CMC), fondato nel 1989, è un broker consolidato, quotato in borsa e molto apprezzato che si è adattato con successo al panorama...

Credit Default Swap (CDS): cosa sono e perché si utilizzano

Il credit default swap (CDS) è uno strumento finanziario utilizzato per scambiare il rischio di insolvenza di un debitore. In sostanza, il CDS consente...

Pier Paolo Pasolini morte: un mistero lungo cinquant’anni

Pier Paolo Pasolini è considerato uno dei maggiori poeti, scrittori e registi italiani del XX secolo. La sua morte, avvenuta il 2 novembre 1975,...

Investire sul natural gas è possibile? Come si fa?

Il gas naturale (spesso indicato natural gas) è una delle fonti energetiche più importanti al mondo e gli investimenti in questo settore possono essere...