728x90

Opec, come funziona e chi compone “il cartello” del petrolio

Date:

Share:

Il prezzo del petrolio è uno degli elementi cardine del nostro attuale sistema economico. Come materia prima di riferimento, è influenzata dalla dinamiche macro economiche e gli scenari geopolitici. Motivo per il quale, nel 1960 i paesi produttori di petrolio decisero di dar vita a un’organizzazione: l’ OPEC.

Paesi Opec

L’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, nota come OPEC, raccoglie attorno a se i maggiori produttori di greggio. La sua fondazione risale al 1960, per opera di 12 paesi che si sono associati, creando un vero e proprio cartello del petrolio. Lo scopo dell’organizzazione è quella di coordinare le politiche produttive dei paesi membri per gestire la fornitura della materia prima. Infatti, in questo modo è possibile tenere sotto controllo il prezzo del barile, evitando che sia troppo basso o troppo alto. Almeno nelle intenzioni. Da statuto, l’adesione è aperta a tutti i paesi che sono grandi produttori ed esportatori di petrolio che condividono le finalità del gruppo.

I paesi che appartengono all’OPEC sono Iran, Iraq, Kuwait, Arabia Saudita e Venezuela (paesi fondatori) più altri 11 aggiunti nel tempo. Gli altri partner sono Qatar, Indonesia, Libia, Emirati Arabi Uniti, Algeria, Nigeria, Ecuador, Gabon, Angola, Guinea Equatoriale e Congo.

Sede

opec

Il gruppo di paesi si riunisce stabilmente a Vienna, in Austria dove ha trasferito la sua rappresentanza. La precedente città che aveva come sede il cartello era Ginevra, dal 1960 al 1965.
Nella capitale austriaca, vi è il Segratariato Generale e l’organo esecutivo che svolgono le normali attività dell’organizzazione.

L’influenza e le critiche

L’organizzazione definisce la sua missione nel “coordinare e unificare le politiche petrolifere dei suoi Paesi membri e garantire la  stabilizzazione dei mercati petroliferi al fine di garantire una fornitura efficiente, economica e regolare di petrolio ai consumatori, un reddito costante a produttori e un equo ritorno sul capitale per chi investe nell’industria petrolifera”.

Potendo contare sul controllo del 79% delle riserve di petrolio nel mondo (dati Opec) la sua influenza è indubbia. Una posizione di preminenza che a livello globale è riconosciuta anche dagli altri paesi produttori. Infatti, bisogna ricordare come Stati Uniti, Cina, Canada e Russia, anch’essi grandi produttori, non facciano parte dell’organizzazione. Questi sono i cosiddetti paesi non opec.

L’aumento della produzione mondiale, specie quella americana, ha messo l’OPEC in una posizione di salvaguardia. La collaborazione della Russia, è stata importante per raggiungere e mantenere i target produttivi per il prezzo del petrolio.


Leggi anche:

 

Subscribe

━ more like this

Glossario del mutuo casa: termini che devi conoscere

I mutui casa sono finanziamenti dedicati a tutti quei soggetti privati che intendono acquistare la loro prima abitazione, una seconda abitazione oppure ristrutturare un...

Quali sono i requisiti e i vantaggi dei conti online a zero spese?

I conti correnti online zero spese sono ormai la tipologia di conto bancario più diffusa; con il passare degli anni, infatti, hanno gradualmente soppiantato...

Meccanismo Europeo di Stabilità (MES): cos’è e come funziona

Il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) è un'organizzazione intergovernativa europea con sede a Lussemburgo, istituita per garantire la stabilità finanziaria nella zona euro. Il...

Buy Now Pay Later: il nuovo trend degli acquisti online

Negli ultimi anni, il modello di acquisto "buy now, pay later" (BNPL) ha guadagnato popolarità in tutto il mondo, inclusa l'Italia. Questa opzione di...

Aiuti all’Ucraina: anche il Senato USA respinge nuova richiesta

Il Senato degli Stati Uniti ha respinto in modo clamoroso la richiesta del presidente Joe Biden di ottenere nuovi aiuti all'Ucraina, rappresentando un significativo...