OAM: cos’è? Come iscriversi all’Organismo Agenti Mediatori?

0
382
OAM test esami simulatore

Cos’è l’OAM? Quale funzione svolge e per quale motivo è importante per i professionisti del settore economico e finanziario? Ne parliamo in questo articolo.

Quando parliamo di OAM intendiamo l’Organismo degli Agenti e dei mediatori. Si tratta di un organo vitale per tutti i professionisti e gli operatori di questo settore. Più che altro i dubbi più comuni sull’OAM riguardano l’iscrizione OAM, piuttosto che il corso OAM e come diventare mediatore creditizio. 

Vediamo meglio nel dettaglio di cosa si tratta e cosa sapere sui corsi OAM e, più nello specifico sull’iscrizione albo mediatore creditizi. 

OAM: cos’è? Cosa fa? Come si accede?

OAM è un acronimo che sta per Organismo degli Agenti e dei Mediatori. Più precisamente: il suo scopo è quello di raccogliere tra le sue fila tutti i professionisti che operano in questo settore.

Spetta all’OAM redigere e gestire l’elenco OAM mediatori creditizi. Infatti è una sorta di albo agenti in attività finanziaria: un modo per non incorrere in millantatori sedicenti professionisti. Quali sono i parametri, le prove e i criteri adottati per riuscire ad iscriversi all’OAM? Vediamoli assieme. 

I compiti 

L’OAM viene, difatti, inaugurata nel 2010, e più precisamente il 13 agosto. Le funzioni sono regolate da un apposito Decreto Legislativo che ha lo scopo di elencare funzioni e scopi.

L’Organizzazione degli Agenti e dei Mediatori è un’associazione di carattere privato. Non è un’associazione a fini di lucro ma vive di finanze proprie. Ha una sua personalità giuridica e una sua precisa organizzazione statutaria. 

Ma come si entra a far parte dell’OAM? Per essere accolti all’interno di questa associazione, e quindi entrare a far parte dei mediatori finanziari, servono in buona sostanza due cose:

  1. Essere, come già detto, in possesso di tutti i requisiti di professionalità e onorabilità
  2. Dimostrare delle conoscenze specifiche e scientifiche in ambito finanziario, economico e giuridico. Tali conoscenze vanno dimostrate per mezzo di un test OAM.

Perché nasce?

Lo scopo è, innanzitutto, quello di tutelare il consumatore e potenziale investitore. Infatti tra gli scopi dell’OAM vi è, in particolare: 

  • il certificare la professionalità dei mediatori tesserati che ne fanno parte;
  • il supervisionare che tutti i requisiti richiesti vengano mantenuti nel tempo.
  • il fungere da banca dati con tutte le informazioni necessarie sulle persone iscritte 
  • una sorta di certificazione per i mediatori e gli agenti che ne fanno parte. 

OAM prova valutaria e inserimento elenchi 

Un volta accertato che il richiedente sia in possesso dei requisiti di professionalità e onorabilità, sarà la stessa associazione a dar mandato di iscrizione nell’apposito elenco agenti in attività finanziaria.

Si tratta dell’unico elenco di questo tipo Infatti a partire dal giorno 1 luglio del 2011, con il D.Lgs. n. 141/2010 non è più stato possibile per agenti in attività finanziaria e mediatori il potersi iscrivere nei registri della Banca d’Italia. 

Da quel momento in poi, infatti, con gli elenchi iscritti OAM, la lista dei mediatori finanziari e degli agenti di borsa è diventata pubblica. Questo significa che oggi, secondo la nuova struttura creata, tutte le informazioni chiave sono raccolte in elenchi di cui tutti possono prendere visione. 

Altri compiti dell’OAM

L’Organismo degli Agenti e dei Mediatori, come abbiamo già avuto modo di constatare, funge da garante. Infatti, oltre a quelli che sono i compiti che abbiamo già visto, svolge anche la funzione di sorvegliare i seguenti parametri. 

  • si accerta che i requisiti di tutti i professionisti dei loro elenchi vengano mantenuti 
  • verifica che gli iscritti agli elenchi OAM rispettino le regole dell’organizzazione
  • si accerta che non vi siano delle cause di incompatibilità per tutte le persone iscritte 
  • verifica che tutte le attività richieste per rimanere dentro gli elenchi siano mantenute

A cosa serve?

A questa domanda, in un certo senso, abbiamo già risposto dicendo che l’OAM è una sorta di garante che ha lo scopo di supervisionare e vigilare i professionisti che devono mantenere i caratteri di onorabilità e assoluta professionalità. 

Elenchi OAM: iscrizione OAM requisiti

Per accedere negli elenchi OAM, e quindi per l’iscrizione albo mediatori creditizi, è necessario, in ogni caso, svolgere la prova. Infatti solo grazie agli esami OAM si può accedere ai famosi elenchi. Nessun altro titolo, quindi, ci da la possibilità di accedere a questa lista.

Questo a partire dal giorno 1° settembre del 2015. 

Gli esami OAM permetteranno all’Organismo di capire se il richiedente è in possesso, o meno, dei requisiti necessari per poter entrare a far parte della lista di professionisti autorizzati e certificati. 

OAM test simulazione

Come si svolge il TEST per diventare agenti finanziari? 

Si tratta di un esame a risposta multipla. Le domande sono 20. Il compito del candidato sarà quello di indicare, con una crocetta, la risposta corretta tra quelle indicate. Dal momento in cui la risposta risulterà essere corretta, si otterrà 1 punto.

Per i quesiti nei quali, invece, non si indica una risposta o si fornisce una risposta sbagliata, il punteggio attribuito sarà pari a 0. Le domande sono raccolte all’interno di un vasto database. Per la simulazione prova valutaria OAM puoi cliccare qui. 

Quanti punti servono per superare il test? 

Per superare la prova e quindi riuscire a superare l’esame bisognerà totalizzare almeno 12/20. Tutte le prove vengono bandite dallo stesso Organismo degli Agenti e dei mediatori. Per consultare le giornate dei test si dovrà consultare la pagina del sito dedicata. Per affrontare l’esame sarà necessario pagare un’iscrizione di euro 100. Ribadiamo che è necessario fare il corso corso mediatore creditizio. 

Test OAM: quali sono gli argomenti dell’esame OAM?

Per essere pronti ad affrontare la prova dell’OAM è necessario sapere quali sono gli argomenti e gli ambiti disciplinari che bisogna approfondire per superare il quiz. Per farlo vi mostreremo, in termini percentuali, quali materie vanno studiate. 

Esame OAM domande

  • il 40% delle domande sono incentrate su intermediazione del credito e sistema finanziario. 
  • invece il 30% delle domande riguarda le forme di finanziamento e altre questioni tecniche e organizzative. 
  • 20% delle domande è incentrato sul credito dei consumatori, sull’attività di mediazione creditizia e sui contratti bancari. 
  • il rimanente 10% delle domande riguardano gli argomenti creditizi. 

Come si accede ala prova valutativa OAM? OAM esame

Un’altro parametro è il possesso dei requisiti di onorabilità e professionalità. A stabilire questo punto sono gli artt.128-novies, comma 1 del TUB, 14 e 15 del D.Lgs. 141/2010. 

L’altra prerogativa è l’aver frequentato il corso di formazione, secondo quanto previsto sempre dall’articolo 14, comma 1, lett. b del D.Lgs. 141/2010 e poi disciplinato all’interno dell’art. 3 della Circolare n. 19/14.

Per l’esame, quindi, sarà necessario essere in possesso di un PC portatile personale e di una casella di posta certificata PEC. 

Sarà poi necessario registrarsi al portale  www.organismo-am.it e dimostrare di aver pagato la quota per accedere all’esame. 

Effettuato il test il risultato sarà visibile nella propria area personale. A quel punto si potrà scoprire se la prova è stata superata oppure no. Dal momento in cui la prova dovesse risultare superata sarà possibile potersi iscrivere all’elenco di propria competenza onde poter iniziare l’attività a norma di legge. 

Fatto questo sarà necessario inserire tutti i dati precedentemente richiesti nella fase di registrazione.

A quel punto, quindi, si dovrà attendere la mail di conferma che arriverà proprio nella vostra casella di posta certificata e si dovranno seguire le istruzioni che verranno indicate all’interno del portale per finalizzare il processo di iscrizione. 

Esame OAM simulazione

Simulazione prova valutativa OAM: per prepararti all’esame e al test valutativo puoi cliccare qui

OAM contatti

Per contattare l’organismo Agenti e Mediatori: Clicca qui 


Scopri anche: SICAV e SICAF: differenze e similitudini delle società fondo

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments