Novità pensioni: cosa aspettarsi dalla riforma pensioni

0
74
novità pensioni

In un momento storico particolare come quello odierno sono diverse le novità pensioni proposte dai sindacati al governo Draghi. Di seguito andremo a considerare quali sono le idee e la loro fattibilità per la riforma pensioni 2022.

Quali sono le ultime notizie sulle pensioni

Le novità pensioni sono una tematica sempre attuale, suscitando contrasti sia all’interno della maggioranza politica sia tra i sindacati. L’intervento del Governo diventa indispensabile, al fine di trovare una soluzione per affrontare i profondi cambiamenti generati dall’epidemia di Coronavirus. Basta considerare che le statistiche ISTAT del 2018, indicavano una crescita dell’aspettativa di vita che in Italia si aggirava intono agli 83 anni, mentre oggi si evidenzia una netta riduzione di 1 anno e 6 mesi.

Un parametro importate, dato che nella legge Fornero del 2011, tra i diversi fattori per l’aggiornamento dell’età pensionabile si prende come riferimento proprio l’aspettativa di vita.
La necessità di novità sulle pensioni è ancora più evidente se si considera che il prossimo scatto dell’età pensionabile dovrà avvenire il 1° gennaio 2023. Questo comporta un incremento di circa 3 mesi.
Tutti questi fattori sottolineano come l’attenzione nei confronti delle news sulle pensioni, è una tematica molto attuale. Un tema che influenzerà la vita di milioni di cittadini che oggi si trovano in una fascia di età tra i 40 e i 50 anni.

Le news pensioni: la riforma di Quota 100

novità pensioni

Ma quali sono le novità pensioni proposte dai sindacati al nuovo governo Draghi? Si possono evidenziare sia interventi sul sistema previdenziale esistente, sia una serie di iniziative per rendere più flessibile la possibilità di andare in pensione.
La prima riforma pensioni ha come protagonista la legge 26/2019, conosciuta per l’introduzione del reddito di cittadinanza e per l’inserimento della Quota 100. In particolare l’annuncio da parte del nuovo Governo di non rinnovare questa forma di pensionamento anticipato, che scadrà il 31 dicembre 2021, è stato oggetto di numerose critiche.

Infatti, Quota 100 prevede la possibilità per un lavoratore di ottenere la sua pensione una volta raggiunto il valore 100. Quota che si ottiene grazie alla somma di 38 anni di contributi e 62 anni di anzianità.
Una riforma che aveva permesso a un numero ampio di soggetti di ottenere i contribuiti previdenziali. Dall’altro però ha portato un aggravio sulle casse dell’INPS in un momento economico molto particolare.

Novità pensioni 2022: tutte le proposte

In sostituzione a Quota 100 diventa indispensabile inserire delle novità pensioni. Di seguito andremo a considerare quelle che sono al centro dell’attenzione.

Le ultime sulle pensioni: Quota 92 e Quota 102

Una novità pensioni è quello di proporre un sistema molto simile a Quota 100, che prenderà il nome di Quota 92. Un termine utilizzato per indicare quali sono i requisiti richiesti per accedere a questa tipologia di pensione. Infatti sarà necessario raggiungere i 30 anni contributi e i 62 anni di età anagrafica in modo da portare il totale a 92 anni. Una soluzione che però ha una serie di difetti, dato che appare troppo simile a Quota 100 e inoltre si è ipotizzato una penalità pari al 3% per ogni anno contributivo in meno.
Per questo tra le novità pensioni più accettate per ora sembra essere quella definita Quota 102, aumentando il numero di anni dell’età a 64 e mantenendo il parametro di 38 per quelli contributivi.

Le novità pensioni anticipate INPS

Tra le ultime sulle pensioni, si è proposta anche una modifica di quelle anticipate INPS, che prevedeva l’applicazione di un sistema misto con il raggiungimento di 42 anni e 10 mesi di versamenti contributivi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. La novità pensioni proposta è quella di eliminare il sistema misto e applicare invece quello contributivo. Un’idea molto valida soprattutto se si considera che queste pensioni fanno riferimento a soggetti con un anno di contributi ottenuto già all’età di 19 anni, ma contestata dai sindacati per la riduzione eccessiva sull’ammontare dell’assegno pensionistico.

Le ultime notizie pensioni: la soluzione per le aziende e gli enti statali

Le novità pensioni riguardano anche quelle tipologie di interventi a favore delle aziende private e della pubblica amministrazione al fine di favorire il pensionamento dei soggetti più anziani.
Una realtà necessaria, dato che in base alle ultime stime ISTAT, oggi all’interno di un’impresa si trovano più lavoratori in procinto di pensionamento rispetto a giovani.
Si è ipotizzato di estendere anche alle aziende con meno di 250 dipendenti la possibilità di un’anticipazione di 5 anni dell’età pensionabile. La differenza contributiva sarà versata per 2 anni con la Naspi e per i restanti 3 anni a carico dell’azienda.

In questo modo si troverebbe una valida soluzione anche per gli eventuali licenziamenti che potrebbero attuarsi una volta conclusa la pandemia e le proroghe di blocco.
Le novità pensioni sono presenti anche nell’ambito delle aziende pubbliche, con riferimento ai dipendenti statali. In questo caso la necessità è quella di voler effettuare un ricambio generazionale, dato che l’età media dei soggetti è oggi pari a circa 50 anni. Un valore elevato se si considera il tasso di disoccupazione giovanile. La proposta dovrebbe essere quella di permettere il pensionamento con 30 anni di contributi e il raggiungimento di 62 anni di età.

Le novità pensioni: l’Opzione Donna e le pensioni giovani

Tra le novità pensioni proposte per il 2022 si è ipotizzato una riforma per il sistema di Opzione Donna. Una misura applicabile a tutte le donne che hanno maturato 35 anni di anzianità assicurativa e contributiva e almeno 58 anni di età in quanto dipendenti, o 59 anni se lavoratrici autonome.
L’idea è quella di voler modificare questo sistema ed estenderlo anche agli uomini.
Infine per concludere le news sulle pensioni, si è ipotizzato di creare forme previdenziali per i giovani, i quali data la situazione lavorativa discontinua, si trovano in difficoltà per il raggiungimento dei contributi necessari.

Novità pensioni: quali sono quelle più fattibili

Le novità pensioni indicate in questo articolo sono tutte possibili soluzioni, ma per adesso sono solo proposte che continuano a essere vagliate dal Governo. Un dato è certo: oggi è necessaria una riforma pensioni anche in base ai cambiamenti imposti dall’attuale quadro socio economico.


Leggi anche

 

 

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments