Nancy Pelosi bio e ascesa della leader democratica

0
17
Nancy Pelosi

Nancy Pelosi ha iniziato la sua carriera politica come volontaria ed è stata gradualmente promossa a cariche pubbliche in un’elezione speciale nell’ottavo distretto della California nel 1987. Detiene il primato di prima donna leader democratica della Camera dei rappresentanti e la prima eletta Speaker della stessa. 

Nancy Pelosi origini e carriera di una leader

Nancy d'Alessandro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nancy D’Alessandro (cognome da nubile) viene alla luce a Baltimora il 26 marzo 1940, nello stato del Maryland. Potremmo dire che in famiglia non mancassero già gli esempi da seguire. È la più giovane dei sette figli di Annunciata M. “Nancy” D’Alesandro e Thomas D’Alessandro jr. 

I D’Alessandro hanno una tradizione familiare di partecipazione alla politica. Il padre è stato membro del Congresso nonché sindaco di Baltimora per 12 anni. Invece, il fratello Thomas D’Alessandro III è stato successivamente sindaco di Baltimora.

Nancy Pelosi (all’epoca D’Alessandro) si è laureata al Trinity College di Washington D.C. nel 1962. Quando era una studentessa lì, ha incontrato il suo futuro marito Paul Pelosi. Dopo essere convolati a nozze, si sono trasferiti a San Francisco. Dalla loro unione sono nati: Nancy Corinne, Christine, Jacqueline, Paul e Alexandra.

La Pelosi si è concentrata prima sulla sua famiglia e la crescita dei suoi figli. In seguito, ha iniziato a partecipare alla vita politica, inizialmente come volontaria per il Partito Democratico. Ha ospitato raduni e assistito nelle attività della campagna salendo i gradini del partito fino a diventare rappresentante del Comitato Nazionale Democratico della California dal 1976 al 1996. È anche presidente dello stato e del nord del Partito democratico della California.

L’elezione al Congresso

Nancy d'Alessandro Congress

Nel 1987, la Pelosi ottiene una carica pubblica vincendo un’elezione speciale nell’ottavo distretto della California, tra cui San Francisco. Come membro della Camera dei rappresentanti, ha fatto parte del Comitato per gli stanziamenti e del Comitato permanente per l’intelligence. Inoltre, ha sostenuto fortemente l’aumento degli stanziamenti per la ricerca sanitaria. Questo senza far mancare il suo sostegno ad altri programmi e iniziative di assistenza sanitaria e  per gli alloggi. È ben noto e fonte di numerose battaglie il suo impegno sui diritti umani e sul rispetto dell’ambiente. 

Nel 2002 Nancy Pelosi viene eletta come leader democratico della Camera dei rappresentanti, il che l’ha resa la prima donna nella storia a ricoprire il ruolo. Quattro anni dopo, sbaraglia tutti aprendo nuovi orizzonti per le donne della politica americana. Non passano neanche quattro anni che la conformazione politica del Congresso preparano la strada ad un nuovo e importante passo. Infatti, alle elezioni di metà mandato del 2006, i Democratici conquistano sia la Camera dei Rappresentanti che il Senato. Ed è in questa occasione che Nancy Pelosi viene eletta come Speaker della Camera, anche in questo caso per la prima volta nella storia. 

Nancy Pelosi Speaker della Camera dei Rappresentanti

Come leader democratico della Camera dei rappresentanti sotto una presidenza repubblicana, la Pelosi a volte ha assunto posizioni forti. Ha fortemente criticato la posizione del presidente Bush sulla guerra in Iraq e ha sostenuto il ritiro dalla regione. Inoltre, è diventata il centro della controversia nel 2009 quando la Central Intelligence Agency (CIA) ha affermato di essersi resa conto che il suo uso di sospetti terroristi stava facendo acqua. 

Nancy Pelosi ha fatto pressioni per sviluppare posti di lavoro più remunerativi, fornire istruzione universitaria e assistenza sanitaria a prezzi accessibili per tutti. Ha spinto per rivedere le politiche energetiche, insistendo sull’esigenza di fonti alternative rispetto anche al fabbisogno degli USA.

Dopo l’elezione di Barack Obama nel 2008, la Pelosi ha l’occasione di avere un presidente dello stesso schieramento politico. Ha svolto un ruolo importante nella promozione della legislazione di riforma sanitaria, che è diventata l ‘”Affordable Care Act” (Obamacare) nel 2010. Una posizione che le ha portato ulteriori critiche da parte dello schieramento repubblicano.

Leader di minoranza

Nancy pelosi

Il mandato come presidente della Camera dei rappresentanti è durato fino a novembre 2010 quando i repubblicani hanno ottenuto il controllo della Camera. In quell’occasione hanno eletto John Bona alla carica.

In qualità di leader democratico alla Camera dei rappresentanti, Nancy Pelosi è stata criticata per il fallimento del suo partito e per le sfide alla leadership. Il rappresentante dell’Ohio Tim Ryan ha cercato di sostituirla come leader di minoranza nel 2016, senza riuscirci. 

Il 7 febbraio 2018, la Pelosi ha tenuto un discorso fiume alla Camera dei Rappresentanti per protestare contro la mancanza di legislazione per proteggere i “Dreamers” (figli di immigrati privi di documenti). La Speaker ha utilizzato la “regola dei minuti magici” per consentire ai dirigenti della Camera di avere tutte le conversazioni che desiderano. Ha letto la testimonianza di Dreamers ad alta voce e ha recitato passaggi della Bibbia. L’intero processo è durato circa 8 ore. L’ultimo esempio di utilizzo di queste procedure della Camera dei Rappresentanti risale almeno al 1909.

Rielezione a Speaker

Dopo che i Democratici hanno ripreso il controllo della Camera dei Rappresentanti a metà del 2018, Nancy Pelosi è stata rieletta come Speaker della Camera all’inizio del 2019. E nuovamente è tornata a sfidare la leadership presidenziale, stavolta quella di Donald Trump. È stata una delle prime a scontrarsi con il presidente per la vicenda del muro col Messico. Posizione che ha ostacolato il finanziamento per 5,7 miliardi di dollari per il potenziamento del confine con il Messico. 

Lo stallo si è trasformato in un controverso shutdown di 35 giorni, e la Speaker ha attirato la maggior parte della rabbia del presidente perché controllava i fondi del Congresso. Tuttavia, poco dopo che Pelosi ha effettivamente annullato il tradizionale discorso sullo Stato dell’Unione previsto per il 29 gennaio. Dopo un lungo braccio di ferro il presidente Trump ha accettato di riaprire temporaneamente ponendo fine allo shutdown. 

nancy pelosi trump

Dopo che il Congresso ha approvato un progetto di legge di finanziamento per stanziare solo $ 1,375 miliardi per il muro di confine, Trump ha dichiarato un’emergenza nazionale il 15 febbraio. Questo gli ha permesso di trasferire fondi per altri progetti ai suoi confini. Nancy Pelosi si è opposta e ha disposto che la Camera dei Rappresentanti votasse sulla legge per porre fine allo stato di emergenza. Il che ha intensificato le pressioni sui repubblicani del Senato affinché prendessero una posizione sulla questione. Quando anche il Senato controllato dai repubblicani ha votato per rovesciare la legge sull’emergenza nazionale. Mosse che hanno costretto Trump a usare il primo veto della presidenza, una mossa che ha dato i suoi frutti.

Pelosi e the Squad

La speaker si è trovato sempre più in disaccordo con i progressisti del partito, in particolare il gruppo di quattro rappresentanti: Alexander Ocasio Cortes a New York, Ilhan Omar nel Minnesota, Ayana Pressley nel Massachusetts e Rashida Tlaib del Michigan vengono chiamate “The Squad”. Dopo che il Quartetto ha votato contro la legge sul finanziamento di emergenza per le frontiere a giugno, Pelosi ha risposto alle loro critiche sui negoziati. Ha detto al New York Times: “Tutte queste persone hanno il loro pubblico e il loro mondo Twitter”. Ma non hanno seguaci. 

Pelosi e la Squad hanno dichiarato che avrebbero affrontato Trump subito dopo che il presidente ha rilasciato la loro dichiarazione su Twitter, affermando che i quattro membri del Congresso di colore dovrebbero “tornare” nel loro paese. A metà luglio, la Speaker ha condotto una votazione per condannare formalmente le affermazioni di Trump come razziste: questa è stata la prima condanna della Camera da parte di un presidente in più di 100 anni. 

Impeachment Donald Trump

Uno dei nodi centrali della sua carriera è stata la causa di impeachment per il Presidente Donald Trump. Infatti, dopo aver boicottato gli appelli dei progressisti per l’impeachment del presidente Trump, la Pelosi ha annunciato nel settembre 2019 che la Camera dei Rappresentanti avrebbe avviato un’indagine formale sull’impeachment. Il punto di svolta sono state le notizie secondo cui Trump ha negato gli aiuti militari all’Ucraina per una manovra politica. Infatti, questa mossa era fatta per indurre il governo ucraino a indagare sul figlio di Joe Biden. Già suo futuro sfidante in vista delle elezioni presidenziali del 2020. 

Il 31 ottobre dello stesso anno, la Camera presieduta dalla Pelosi ha approvato una risoluzione che stabilisce le regole per il procedimento di impeachment e ha aperto la strada per un’udienza pubblica. 

Il 18 dicembre 2019, un giorno dopo che Nancy Pelosi ha ricevuto una dura lettera dal presidente e ha criticato la procedura di “invalidazione”. La Camera dei Rappresentanti ha votato contro le due clausole di impeachment quasi interamente. Il relatore ha poi rinviato il trasferimento di questi articoli al Senato nella speranza di ottenere le condizioni per un giusto processo nella Camera alta controllata dai repubblicani. Fino al termine definitivo del 15 gennaio 2020.

pelosi trump

Il 4 febbraio 2020 ha mostrato il suo astio con Trump nel discorso televisivo sullo Stato dell’Unione. Quando strappò il testo dello speech tenuto dal Presidente nell’importante occasione. Il giorno successivo, quando il Senato ha votato la linea del partito per far passare due accuse, assolvendo Trump, la saga dell’impeachment si è conclusa.

Nancy Pelosi e l’invocazione del venticinquesimo emendamento

Pochi giorno dopo le dimissioni e il rientro nella vita politica del presidente Trump guarito dal Coronavirus, la Speaker non è rimasta con le mani in mano. Infatti, ha subito definito la salute di Trump instabile, provocando anche una sua reazione poco graziata: “È lei pazza”.

La Pelosi aveva dichiarato:

«Il presidente Trump prende chiaramente medicine. E chiunque di noi assuma farmaci di quella serietà è in uno stato alterato. Ci sono articoli di professionisti che dimostrano come ciò potrebbe avere un impatto sulla capacità di giudizio di una persona».

Leggi anche Ursula von der Leyen: una donna a capo dell’Unione Europea

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments