Miliardari: chi sono i “paperoni” Italiani?

0
242
diverse banconote da 500 euro
Banconote da 500€

Ricchezza appartiene a chi è riuscito, od è arrivato prima degli altri in un qualcosa di esclusivo. In  Italia ne esistono parecchi. Vediamo di scoprirli insieme.

Ricchezza: una parola che molti apparentemente disprezzano ma in fondo amano e sognano di realizzarla. In Italia si sà, la cultura del rischio e dell’ imprenditoria non è il nostro forte. D’altronde questo lo diceva anche Don Luigi Sturzo nella metà del ‘900. La figura dell’uomo ricco è spesso e volentieri accostata allo stereotipo dell’egoista, dell’uomo del malaffare, del freddo calcolatore. Ad ogni modo rimane un dato di fatto: questi uomini a prescindere dai loro modus operandi, hanno creato patrimoni di un valore inestimabile. La Ricchezza lo abbiamo infatti già detto: viene additata da molti ma sognata da tutti.

Da chi è composta questa classifica?

Ad ogni modo senza dilungarci oltre passiamo alla rassegna fornita dal Forbes.

Gli uomini che detengono più Ricchezza in Italia sono:

Giovanni Ferrero: ebbene si, ad aggiudicarsi il primato Italiano è proprio lui, nonchè l’amministratore delegato della prima industria dolciaria Italiana. La sua Ricchezza ammonta a ben 23 miliardi.

Leonardo Del Vecchio: immediatamente in coda troviamo il fondatore e presidente di Luxottica. A voler fare una battuta potremmo dire che Del Vecchio ci ha proprio visto bene in questo settore. Infatti la ricchezza del BuisnessMan delle lenti è di circa 21,2 miliardi.

Stefano Pessina: il terzo della classifica è proprio questo Ingegnere che comunque, a  prescindere dal suo titolo di studio, ha prediletto la vita imprenditoriale a quella del libero professionista. Infatti Pessina, ha iniziato la sua carriera riavviando,  e dando nuovo assetto all’azienda di famiglia specializzata nella distribuzione dei farmaci nel 1977. Da lì in poi questo tipo di buisness, porterà il suddetto a varcare i confini internzionali, stringendo accordi sia in Europa che all’estero. La sua Ricchezza, seppur più modica, ammonta comunque ad 11,8 miliardi.

Giorgio Armani: il quarto posto nel podio dei paperoni è occupato dal più celebre stilista del Belpaese. Armani lo sappiamo tutti, non ha bisogno di presentazioni la sua biografia, coronata da innumerevoli successi nel mondo della moda. Non dobbiamo comunque dimenticare che il signor Armani, prima di fondare la sua omonima azienda nel 1975, ha parecchio lavorato presso altre aziende come un semplice designer. E’ stato proprio il suo tortuoso e  scosceso cammino a portarlo alla sua attuale Ricchezza, che è di 8,9 miliardi.

Silvio Berlusconi: Strano ma vero! Ad aggiudicarsi il quinto posto nella lista dei ricconi è proprio il buon Silvio. La storia del Cavaliere è comunque assai nota. Dall’immobiliare, a Mediaset, alla politica, sono state tante le occasioni e i settori che hanno portato Berlusconi al suo esponenziale percorso di crescita. Infatti la sua Ricchezza ammonta a circa 8 miliardi.

Per quanto queste cifre possano sembrare esorbitanti ed irraggiungibili non dimentichiamo che i signori che abbiamo appena esaminato sono primi in italia e non nel mondo. Infatti esistono magnati ben più grossi, con ricchezze inestimabili.