Lancio imminente di Bakkt, ecco le novità e i suoi nuovi scenari.

0
122
Bakkt lancio
Etf Bitcoin

Bakkt acquisisce un intermediario di contratti a lungo termine per rafforzare l’offerta di Bitcoin.

Ecco i piani di Bakkt per il lancio

l’Exchange di futures su Bitcoin, Bakkt ha annunciato lunedi l’acquisizione di un nuovo intermadiario di futures indipendente. L’importo non è divulgabile.

La mossa mira ad aumentare i servizi di Bakkt per gli investimenti istituzionali in attività di criptovaluta.

Con un aumento di capitale di $ 182 milioni. l’implacabile lavoro di Bakkt sta sviluppando un servizio di intermediazione fidato per le criptovalute.

Bakkt fa trapelare sempre alcune notizie, ma poco per volta.

La società comprende che la costruzione di strumenti di trading e i servizi di custodia sono parte della battaglia. E vogliono allineare i fornitori finanziari di fiducia. Ritengono sia ciò che può attrarre il capitale istituzionale nel settore della criptovaluta.

Secondo un post sul blog, Bakkt ha avviato il processo di acquisizione di “alcuni asset” di proprietà del Rosenthal Collins Group (RCG). Questo il nome del broker di opzioni con sede a Chicago sviluppatore di piattaforme di trading su misura per grandi ordini di aziende di un certo calibro e investitori al dettaglio.

La transazione dovrebbe concludersi nel febbraio 2019. Una volta completato, i lavoratori di RCG si uniranno al gruppo Bakkt.

Per rafforzare la propria offerta, Bakkt sta acquisendo la struttura di operazioni di tesoreria e gestione dei rischi di RCG. Che mette un’attenzione particolare a AML / KYC, al servizio clienti e alla conformità normativa.

Come notato nel loro blog, gli sforzi derivano dall’obiettivo di Bakkt di migliorare l’offerta di risorse digitali e consentire “più scelta e controllo” agli acquirenti e ai venditori.

Preparativi per il pre-lancio di Bakkt

Bakkt ha aggiunto che “non sta fermo” in attesa dell’approvazione da parte della Commodities and Futures Trading Commission (CFTC) per il lancio del suo servizio di crypto.

Invece, sta aumentando il suo prodotto investendo in tecnologia che gli consentirà di costruire una piattaforma ancor più solida.

Nel frattempo, gli aggiornamenti sul lancio imminente di Bakkt rimangono sconosciuti.

L’azienda era stata in precedenza programmata per un avvio nel novembre 2018, che è stato poi posticipato a gennaio 2019 e infine posticipato “a tempo indeterminato”, in attesa di approvazione normativa.

Bakkt è supportato da alcune delle società più influenti del mondo, tra cui Microsoft, Starbucks e Bain Capital, ed è un prodotto della società madre Intercontinental Exchange della NYSE.

L’azienda è specializzata in insediamenti con consegna fisica per i futures Bitcoin e mira a costruire una piattaforma che consenta la conversione rapida di risorse digitali per i commercianti e gli esercizi commerciali.

Le aspettative sono alte e, una volta che i Bakkt saranno trasmessi, i consumatori sperano di inaugurare un nuovo periodo di liquidità e adozione.

Se il 2018 è stato l’anno del crypto crash, 2019 diventerà sicuramente l’anno dei fondi negoziati in borsa con Bitcoin (BTC) (ETF).

Anche se il 2019 è appena iniziato, con la maggior parte dei consumatori che si ricongiungono allo spazio di lavoro dalle loro ferie natalizie, gli argomenti criptovaluta sono già diventati un argomento caldo.

Eppure la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti rimane a guardare.

Wilshire Phoenix Affronta l’industria della cripta

Anche se è risaputo che Bitwise ha presentato una proposta di Bitcoin ETF la scorsa settimana, all’insaputa della maggior parte, un’altra azienda ha fatto una mossa quasi identica nello stesso giorno.

Per MarketWatch, Wilshire Phoenix, un gruppo di gestione degli investimenti con sede a New York, ha presentato un deposito S-1 con la SEC.

Il deposito si riferisce a un prodotto crittografato, chiamato in modo interessante gli US Bitcoin e Treasury Investment Trust.

A differenza degli argoenti suggeriti da VanEck e dai suoi partner, la fiducia di Wilshire coprirà posizioni non solo in BTC ma anche in buoni del Tesoro statunitensi a breve termine e in dollari americani.

Spiegando questa logica alla base di questa diversificazione, inaudita nell’industria della cripto, gli esperti dell’ETF hanno scritto nel documento legale:

“Lo scopo del Trust è fornire agli investitori un’esposizione a BTC in un modo più efficiente, conveniente e meno volatile rispetto all’acquisto di BTC stand-alone”.

Il documento depositato dalla Sec.

Il documento depositato dalla SEC accentuava il fatto che il trust non intendeva emulare direttamente un’allocazione di capitale verso Bitcoin.

Invece, Wilshire vede lo strumento come un modo per i potenziali investitori di ottenere un’esposizione minima, ma sufficiente sulla criptovaluta principale.

La società di investimento americana ha aggiunto che la natura divergente del veicolo ridurrebbe la volatilità, minimizzando allo stesso tempo le carenze di acquisto, messa in sicurezza e vendita di Bitcoin.

Parlando con MarketWatch, un portavoce della società ha osservato che la combinazione in qualche modo non ortodossa ridurrebbe “la volatilità complessiva del prezzo dell’ETF proposto.”

Bill Herrmann, un socio gerente presso il corrispondente della società, non ha spiegato come il capitale del trust sarebbe diviso tra i beni sopra menzionati.

Mentre la candidatura di Wilshire sembra fuori dall’ordinario, soprattutto tenendo conto delle partecipazioni legali (ciò che i decentralisti hanno giurato di distruggere), la strategia di diversificazione è stata probabilmente proposta per una buona ragione.

Bakkt Sará uno pseudo Bitcoin?

Più specificamente, la presunta natura “meno volatile” del prodotto può indurre la SEC, o altri regolatori con influenza giurisdizionale, ad approvare effettivamente uno pseudo-Bitcoin ETF.

Questa recente attività, che è volato sotto il radar di quasi tutti i partecipanti del settore, è coinciso in modo interessante con uno sforzo simile da parte di Bitwise Asset Management.

La settimana scorsa, Bitwise, una società di servizi crittografici guidata dal fervente leader Hunter Horsley, ha presentato una dichiarazione iniziale di registrazione presso la SEC.

Il documento legale delineava una proposta di ETF Bitcoin sostenuta fisicamente, che sarà quotata nella Borsa di New York, se approvata.

L’impresa proposta traccerà uno degli indici interni della società. In un comunicato stampa dell’azienda, i responsabili del progetto hanno affermato che il proprio Titolo , che doveva essere custodito, doveva essere esaminato e non suscettibile di manipolazione, è diverso da altri ETF di Bitcoin proposti.

Da un punto di vista esterno, sembra che queste due nuove applicazioni potrebbero ottenere una luce verde normativa.

Eppure, ci sono alcuni cinici che hanno le loro riserve riguardo il lancio di Bakkt

Indipendentemente da ciò, in una dichiarazione affermativa, Herrman, un ottimista apparentemente meno noto per l’ecosistema cripto, ha scritto:

“Se avessi un messaggio per i gemelli ProShares, Granite, Bitwise e Winklevoss – i nostri approcci potrebbero essere diversi, ma crediamo che tutti condividiamo un obiettivo comune. Facciamo il tifo per ciascuno di voi. “

L’ETF di Bitcoin diventa argomento caldo, dopo solo due settimane nel 2019

Come accennato in precedenza, i discorsi sui richiami dell’ETF di Bitcoin sono iniziati all’inizio del 2019.

Solo pochi giorni fa, NewsBTC ha riferito che fonti anonime che avevano familiarità con l’agenzia per i servizi finanziari del Giappone (FSA) hanno rivelato che il regolatore potrebbe consentire la presentazione delle applicazioni di crittografia ETF.

Gli addetti ai lavori, che hanno parlato con Bloomberg in merito, hanno notato che la FSA stava attualmente valutando l’interesse per il prodotto.

Mentre da allora questa notizia è stata confutata dall’entità governativa giapponese stessa, con un portavoce che comunicava al portale di notizie di Bitcoin.com che queste voci non erano fatti comprovate, la comunità cripto continua a tornare incessantemente sull’argomento.

Con queste notizie, questa volta sarà consentito un ETF basato su BTC? Scoprilo continuando a seguirci.

Se ti è piaciuto l’articolo “Lancio imminente di Bakkt” puoi visitare la sezione apposita per leggerne altri simili.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments