Vice Presidente Usa: la storia e il profilo di Kamala Harris

Vice Presidente USA Kamala Harris: la biografia e il profilo politico di una delle donne più influenti del mondo. Una servitrice pubblica dedita ai diritti delle minoranze e un società più equa.

0
32
vice presidente usa

Il 20 gennaio è ufficialmente iniziata la nuova amministrazione del presidente degli USA Joe Biden. I democratici sono usciti vittoriosi dalla tormentata competizione elettorale contro l’uscente e discusso presidente repubblicano Donald Trump. Insieme a Biden, per la prima volta nella storia degli States, è stata eletta la prima donna alla carica di Vice Presidente. Kamala Harris diventa così il 49° Vice Presidente USA e di conseguenza Presidente del Senato (altro primato). 

Un inizio segnato dalla sfida che la pandemia ha sferrato all’intero pianeta e una situazione interna quanto mai difficile. 

Kamala Harris avrà dalla sua parte l’intelligenza e le doti che l’hanno portata a compiere una carriera pubblica e istituzionale di prestigio. Oggi adempie ai doveri di uno degli uffici più importanti della democrazia occidentale.

Kamala Devi Harris: chi è la prima donna vice presidente USA

vice presidente usa kamala harris

Nativa di Oakland in California, dove viene alla luce il 20 ottobre del 1964 da Shyamala Gopalan e Donald J. Harris. La madre era un’importante oncologa di origine indiana emigrata negli Stati Uniti nel 1960 per studiare all’UC Berkley. Nella stessa Università della California andrà a studiare nel 1061 il padre della Harris, Donald J., emigrato dalla Giamaica per studiare economia. Oggi è professore emerito di economia alla Stanford University. Ha una sorella minore di nome Maya Harris, che di professione è analista politico. 

Biografia e carriera

Si è prima diplomata alla Westmount High School a Westmount (Canada) per poi conseguire due specializzazioni in scienze politiche ed economia alla Howard University a Washington D.C. Nel 1989, rientrata in California, consegue lo Juris Doctor presso l’Hastings College of the Law di San Francisco, alla University of California. Nel 1990 supera l’esame di ammissione per entrare nell’Ordine degli Avvocati della California (State Bar of California).

Subito dopo Harris inizia la sua carriera legale entrando nell’ufficio della procura distrettuale della Contea di Alameda. Sin dagli inizi si fa notare la sua abilità come procuratore mettendo a segno i primi risultati. Nel 1998 il procuratore distretturale di San Francisco Hallinan la nomina assistente procuratore distrettuale a capo di una divisione specializzata nei crimini violenti. Assumerà anche un incarico presso il Municipio di San Francisco per i casi di abbandono e maltrattamento di minori.

Da Procuratore a Vice Presidente USA: le tappe della Harris

All’attuale vicepresidente USA, le elezioni sembrano non spaventare. Nel 2003 inizia la sua prima competizione elettorale per la carica di procuratrice distrettuale di San Francisco. Una competizione nella quale sfida proprio Terrence Hallinan. Kamala Harris era la candidata più giovane, ma la sua capacità e intelligenza le hanno fatto guadagnare consenso. Finisce al ballottaggio contro il suo sfidante, grazie a una campagna elettorale organizzata con persone di fiducia come Vanessa Getty e Susan Swig. Tuttavia, verrà ammonita per aver superato i limiti di finanziamento della campagna, assumendosene le responsabilità.

Le sue posizioni progressiste unite alla sua rigidità contro i crimini violenti e posizioni meno rigide sulla pena di morte le hanno fatto guadagnare la vittoria.

Nel 2010, si candida come Attorney General della California (procuratore generale) ottenendo anche in questo caso l’ufficio. Una vittoria conseguita grazie ai risultati del lavoro come procuratrice e l’aumento di condanne per crimini violenti associate ad alcuni cambiamenti anche nella struttura investigativa. E anche con l’appoggio di importanti donne del partito come Nancy Pelosi e Dianne Feinstein.

Il seggio al Senato

Solo pochi anni più tardi, si profila l’occasione per un seggio al Senato degli Stati Uniti. Infatti, dopo più di vent’anni di servizio, la senatrice della California Barbara Boxer decide di non ricandidarsi. La Harris annuncia subito la sua intenzione di competere per il seggio il 13 gennaio 2015, raccogliendo solo nella prima istanza 1,5 milioni di dollari di donazioni. Grazie all’appoggio di altre figure chiave e dei vertici del partito, tra cui l’ex Presidente Barack Obama e Joe Biden, la Harris vince prima le primarie e poi la corsa.

Diventerà senatrice dello Stato della California con il 62,5% dei voti.

A fianco di Joe Biden come Vice presidente USA

vice presidente usa

Una carriera dalla parte della Costituzione e dei più deboli, tra i motivi che hanno portato l’attuale presidente degli USA Joe Biden a scegliere Kamala Harris:

“Ha trascorso la sua carriera a difendere la Costituzione. È una bella giornata per il nostro paese. Ora vinciamo”.

Da parte sua, la Harris non ha mai mancato di spendere parole di elogio per il candidato democratico alla Casa Bianca:

“Abbiamo bisogno di un leader che abbia veramente a cuore le persone e sia in grado di unire il popolo”.

Una coppia che i commentatori politici hanno apprezzato sin dai primi momenti. Una nomina azzeccata anche dal punto di vista degli elettori, che hanno canalizzato donazioni per circa 26 milioni di dollari.

Pensiero politico

Kamala Harris appartiene all’ala progressista del partito democratico americano. Il suo profilo politico, a detta degli analisti, completa quello di Joe Biden. È fortemente impegnata nel sostegno alla riforma sanitaria che consenta l’accesso alle cure a tutti gli americani. Inoltre, sostiene le sue posizioni per un fisco più equo e i diritti dei lavoratori, tra cui l’aumento del salario minimo. È molto legata alle politiche di sostegno del green e dei diritti delle minoranze che la rendono espressione del progressismo all’interno del partito democratico. Istanze che la nuova vice presidente Stati Uniti ha raccolto e per le quali milioni di cittadini americani sperano.


Leggi anche

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments