Halving Bitcoin cos’è e quando si verifica questo evento

Halving Bitcoin e prezzo della criptomoneta per eccellenza. Cosa significa il verificarsi e conoscere gli effetti che avrà sul Bitcoin e sulla sua blockchain, nonché sul prezzo.

0
170
halving bitcoin

L’argomento ricorrente nelle community attente al mercato delle criptovalute e non solo è l’effetto dell’Halving Bitcoin. Un evento che avviene con una cadenza prestabilita e a seguito di determinati eventi. Infatti, come ogni situazione importante che interessa la cripto per eccellenza, ha ripercussioni sul suo valore.

Halving Bitcoin cos’è?

È un processo di riduzione del tasso di nuove unità di criptovaluta generate. Nello specifico, si riferisce agli eventi periodici di halving che riducono le ricompense per il mining dei blocchi fornite ai miner. L’Halving Bitcoin è una funzione essenziale del protocollo Bitcoin. Il codice può essere consultato nel Github di Bitcoin Core e di seguito riportiamo la sezione del codice che rende possibile l’halving di Bitcoin. Come documentato nel codice, la ricompensa per il mining di un blocco subisce un dimezzamento ogni 210.000 blocchi. Infatti, i BTC passeranno dagli attuali 12,5 a 6,25, è così dimezzata la ricompensa di chi materialmente verifica le transazioni.

L’importanza del mining e il Bitcoin core

halving bitcoin

La funzione dei Miners è quella di convalidare le transazioni che avvengono nel bitcoin core (la sua Blockchain). Essendo un DLT, Distributed ledger technology, il database è decentralizzato e il mining rappresentante il core di tutto il network. Grazie al loro lavoro, è garantita la sicurezza e l’emissione dei nuovi Bitcoin. Ed è il motivo per cui è importante, per comprendere l’Halving Bitcoin, conoscere il funzionamento del Bitcoin Core.

Nodo Bitcoin e funzionamento

Il Nodo Bitcoin , che ha assunto questo nome per distinguersi dalla rete Bitcoin, è il “motore” che verifica le transazioni e si collega al network.

Detto più semplicemente un Nodo è una computer che verifica le transazioni con il mining (In questa trattazione lo chiamo computer per semplificare un po il tutto, ma stiamo parlando di vere e proprie Server Farm, con centinai di macchine). Questo computer producendo strige di testo casuali chiamate HASH che serviranno a chiudere un blocco contenete le transazioni, ovviante più HASH produce questa macchina in un secondo più sarà alta la probabilità che si riesca a chiudere un blocco, validando le transazioni al suo interno. La potenza di una macchina che fa mining si calcola per l’ appunto con HASH/secondo.

Tutti noi possiamo creare un nodo, ci basta un computer è una connessione, quindi tutti possiamo partecipare alla chiusura dei blocchi, ovviamente usare il PC di casa non è prettamente consigliato, appunto perché dovremmo andare a competere con altri nodi che hanno potenze di calcolo molto superiore alla nostra.

Una volta trovato l’ HASH che chiude il blocco, questo viene emanato a tutti i nodi tramite la rete bitcoin e sara compito di tutti gli altri nodi verificare l’ HASH trovato dal nodo scopritore. Se gli altri nodi confermano il calcolo il blocco viene inserito nella blockchain ed il nodo scopritore ottiene una ricompensa.

Ed è proprio a questo punto che entrano in gioco le ricompense. Infatti, i miners ricevono delle commissioni (fee) per validare le transazioni e, inoltre, ricevono i BTC creati dal blocco. 

In pratica, i nodi della rete sono miners, e in base alla potenza di calcolo a disposizione (data dagli hardware) compiono le operazioni crittografiche per la validazione del blocco.
Nel singolo blocco vengono raccolte in un blocco, solitamente è grande 1 mb, e lì inizia la contesa per completare la verifica. Questo processo dato dall’algoritmo matematico che ne sta alla base, è il Proof of Work (POW). Chi risolve questo problema, potrà validare il blocco e aggiungendolo alla Blockchain ottenendo la ricompensa (block reward).

Quando si verificherà l’Halving Btc?

halving che cos'è

Il fenomeno appena descritto non è nulla di improvviso. Infatti, abbiamo visto che ha una cadenza ben prestabilita dal protocollo. Sulla base delle tempistiche attuali, questo avviene al mining di 210.000 blocchi, circa ogni 4 anni. La previsione del prossimo halving bitcoin ci porta al 18 maggio 2020 quando verranno raggiunti i 630 mila blocchi. Una data che, ovviamente, è indicativa dato che tutto dipende dalla velocità con cui vengono “minati” i blocchi.

Conseguenza sul prezzo del Bitcoin

Il verificarsi dell’Halving cosa significa per il prezzo dell’oro digitale? In occasione dei precedenti, il valore del Bitcoin ha visto un considerevole aumento. Tuttavia, bisogna precisare che non si avrà alcun impatto sulla massa circolante di BTC. Il dimezzamento dell’emissione, quindi la ricompensa del processo di mining come visto prima, riguarderà le nuove monete. Ad ogni blocco non verranno più corrisposti 12,5 BTC bensì 6,25, come prevede il protocollo. Infatti, questo segue una precisa politica per giungere al numero finito di 21 milioni di Bitcoin entro il 2140 (data stimata). Questa visione deflattiva contribuisce a controllare e mantenere su certi livelli il prezzo della nostra moneta digitale.
Quindi, possiamo aspettarci nel breve termine, dal verificarsi dell’Halving, una crescita del prezzo dovuta anche alle speculazioni. Tenere presente questo concetto per evitare di farsi travolgere dalla foga e dalla corsa dai prezzi come accaduto nel recente passato.

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments