Future ETH: al CME crescono scambi degli istituzionali

0
27
future eth

L’interesse degli attori istituzionali verso le criptovalute non mostra tentennamenti, e i dati lo confermano. A dispetto di quelle che vengono annunciate giornalmente, animando anche gli animi degli investitori retail. Una recente analisi frutto della collaborazione di OKEx Insights e CryptoCompare mostra come le posizioni sui future ETH sia in netta crescita. Infatti, gli investitori istituzionali investono in derivati sulle criptovalute, lanciati pochi mesi fa sul CME. 

I dati evidenziano la crescita degli afflussi di capitale per le negoziazioni su prodotti e fondi in ETH, a conferma dell’aumento di domanda. Quello che prima era dominion dei retail e di player aziendali è adesso terreno fertile anche per le istituzioni finanziarie. 

Future ETH: aumento dell’esposizione degli istituzionali 

I numeri degli scambi relativi a prodotti finanziari in criptovalute o direttamente su di essi, registrano incrementi notevoli. Il periodo considerato dall’analisi riguarda gli ultimi mesi del 2020 e i primi del 2021, evidenziando in alcuni casi differenze notevoli. Infatti, sebbene i dati sugli scambi relativi a BTC risultino maggiori delle contropartite in ETH, sui future e derivati la situazione si capovolge. 

future eth cme

Nella prima settimana del lancio dei future ETH sul CME gli scambi registrati ammontano a 23 milioni di dollari. Un volume di scambi che vediamo aumentare di 3 volte a 72 milioni di dollari a fine febbraio. Un continuo aumento che procede nelle settimane, passando per i 132 milioni giornalieri dell’11 aprile al picco di 353 milioni di dollari il 25 aprile. Un balzo che solo nell’ultima settimana è di oltre il 160%. 

I volumi sul CME

La crescita dei volumi sul CME rappresenta anche la maggiore espansione in un mercato dominato dagli exchange. Attualmente, la maggior parte dei contratti sono scambiati su OKEx.

Se nella prima settimana gli scambi sul CME rappresentavano il 0,16% del totale sui future ETH, il 25 aprile era già il 2,28%. Nulla di strano essendo la piattaforma di Chicago regolamentata e autorizzata ad operare sul mercato con tutti i player istituzionali e finanziari. Motivo per il quale oltre all’interesse per i future su BTC, il crescere di progetti e mercato degli smart contract sta spingendo Ethereum senza tante sorprese. 


Leggi anche

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments