Home Criptovalute

Criptovalute

Criptovalute… una necessaria premessa!

Le nuove tecnologie, favorite dal progresso della tecnologia di crittografia (e quindi l’applicazione di un metodo che consente di comprendere che diventano quindi intellegibili) e lo sviluppo di Internet stanno portando a cambiamenti fondamentali nell’economia di tutto il mondo.

Una menzione speciale viene fatta al settore finanziario in termini di modalità di scambio di beni, servizi ed eventuali attività finanziarie. Una delle più importanti applicazioni della tecnologia digitale in campo finanziario è la nascita e la diffusione della “criptovaluta” (o “valuta virtuale“), la più famosa delle quali è Bitcoin.

Domanda chiave: cos’è una criptovaluta? 

La parola criptovaluta è data da due parole che ne racchiudono il senso: cripto e valuta.

Si tratta quindi di una sorta di moneta “nascosta”, in un certo senso visibile / disponibile solo se si conosce il codice specifico del computer (nel linguaggio di settore, le cosiddette “chiavi di accesso” che si divideranno tra chiavi pubbliche e chiavi private).

Nessuna cripta esiste fisicamente (e per questo viene definita “virtuale”), ma viene specificatamente generata e scambiata solo elettronicamente. Per questo motivo non si potrà mai trovare il Bitcoin circolante sotto forma di banconote o monete metalliche.

Alcune caratteristiche e particolarità che si usano in genere per la valuta legale, come “portafoglio”, sono stati trasportati anche nel mondo della  valuta virtuale. Nel contesto della valuta virtuale, lo chiameremo “portafoglio digitale / elettronico” (o molto più banalmente wallet oppure e-wallet dove la e sta per elettronico). 

Usare le criptovalute

È possibile acquistare beni e servizi in criptovaluta solo con il consenso dei partecipanti alle transazioni rilevanti mediante un modello peer-to-peer (cioè direttamente tra due dispositivi, senza intermediario) proprio come se fosse una valuta in corso legale.

Un’altra differenziazione usuale prevede una distinzione tra valute virtuali “chiuse”, “unidirezionali” e “bidirezionali”. La differenza tra queste tre situazioni sta nel fatto che la criptovaluta possa essere scambiata con valuta fiat (chiamata valuta “ufficiale” o “valuta fiat” secondo altre denominazioni comuni come Euro o dollaro), e il tipo di beni / servizi che possono essere acquistati.

Ad esempio, Bitcoin è una valuta virtuale a due vie perché può essere facilmente convertita in valuta ufficiale o fiat e la valuta fiat può trasformarsi altrettanto celermente in Bitcoin.

Attenzione 

La valuta virtuale non ha corso legale quasi ovunque sul pianeta, quindi accettare il pagamento è volontaria; 

La valuta virtuale non è soggetta alla supervisione delle agenzie del governo centrale, ma di solito è emessa e controllata dalla società che la emette secondo le proprie regole; farai riferimento alle regole deimembri della comunità. 

Alcuni paesi hanno deciso di provare a utilizzare valute virtuali nel proprio territorio (ad esempio, l’Uruguay utilizza pesos elettronici) sotto il loro controllo dei governi centrali. Altri hanno annunciato che le utilizzeranno a breve, ma le informazioni a riguardo sono ancora scarse (possiamo portare come esempio il Venezuela con la sua Petro), o ancora ci sono iniziative in tal senso che si svilupperanno dei prossimi anni (ad esempio la Svezia e il Governo Estone).

Le valute tradizionali e le cripto hanno la stessa funzione? 

Sappiamo che la valuta fiat è solitamente considerata:

  • un’unità di conto
  • un metodo di pagamento generalmente accettato 
  • deposito di valore. 

Le criptovalute possono svolgere la stessa funzione? Le cripto sono molto volatili e questa caratteristica rende indubbiamente impossibile la corretta funzione che ha una valuta fiat come “unità di conto”: anche all’interno della stessa giornata i prezzi delle principali criptovalute oscilleranno notevolmente.

Pertanto, anche se non impossibile, è assai complesso stabilire il prezzo di beni e servizi in criptovaluta, a meno che non si accettino gli stable coin. 

Per ciò che concerne la funzioni di “riserva di valore”, si deve prendere in considerazione che, in base alla funzione che stalla base della creazione delle cirptovalute, più i coin sono e saranno utilizzati per pagare beni e servizi, più aumenteranno il loro valore. Il tutto per un fattore molto semplice: nel tempo la produzione di criptovaluta andrà riducendosi.

Quindi il numero è limitato. Diremo quindi che la creazione di nuove criptovalute è limitata e diminuisce con il passare del tempo. Di conseguenza: maggiore è il numero di transazioni  in criptovaluta, maggiore sarà il suo valore.

Per concludere: le cripto non sono valute merce: questo perché non hanno una funzione d’uso se non quanto descritto fino a qui. Al contrario, però, potranno svolgere sempre più funzioni di scambio nel prossimo futuro.

Caratteristiche principali

Le criptovalute hanno caratteristiche uniche che le caratterizzano. I seguenti sono gli elementi innovativi:

  • Una serie di regole (chiamate “protocolli”), che sono codici di computer che specificano il modo in cui i partecipanti conducono le transazioni e gli scambi. 
  • il cosiddetto “libro mastro” (distributed ledger o blockchain) che mantiene immutabile la cronologia delle transazioni; 
  • la Rete decentralizzata di tutti i partecipanti, che dovranno aggiornare, archiviare e consultare il libro mastro delle transazioni, seguendo scrupolosamente le regole del protocollo. 

Scopriamo il “distributed ledger, la “blockchain”. Come funziona Blockchain del famoso Bitcoin?

Il libro mastro, distributed ledger o blockchain (in genere blockchain si utilizza come nome associato al funzionamento di Bitcoin, e viene tradotto con “catena di blocchi“ in italiano) è un libro mastro che funge da registro.

Si tratta quindi di un registro distribuito e accessibile che può memorizzare, in maniera sicura, certa, inequivocabile e immodificabile, una transazione tra due parti. Tutte le transazioni saranno quindi verificabili e permanenti. Chi partecipa al sistema viene definito”nodo”. I nodi, o block, sono collegati tra loro in modo distribuito grazie all’utilizzo della crittografia. 

I dati nel blocco sono intrinsecamente immutabili (se non si modificano tutti i blocchi successivi ad esso, non sarà possibile cambiarli retroattivamente; per far si che questo accada, data la funzione del protocollo e dello schema di verifica, è richiesto l’accordo della maggioranza della rete di utenti.

Vediamoci chiaro

Tutte queste caratteristiche che abbiamo visto fino a qui, assieme al modello descritto, rendono il processo di verifica stabile e decisamente sicuro. Questo anche se si deve ricorrere a tempi e costi non trascurabili, che dipendono principalmente dal prezzo dell’elettricità richiesto per verificare il blocco (nel caso di blockchain ci riferiamo sempre al Bitcoin).

L’energia serve appunto per l’enorme potenza di calcolo richiesta per risolvere complessi calcoli di algoritmi (un’attività è solitamente chiamata “mining”). La verifica dell’identità viene effettuata attraverso una collaborazione su larga scala ed è guidata dagli interessi di tutta la community.

La blockchain

La blockchain, per definizione, è quindi un registro (o libro mastro) pubblico e raccoglie tutte le transazioni Bitcoin che saranno annotate in ordine cronologico. Viene utilizzato per archiviare in modo permanente e sicuro le transazioni Bitcoin e evitare il cosiddetto fenomeno della “doppia spesa”. Questo significa cheil processo dovrà evitare che si spendano i Bitcoin più di una volta contemporaneamente).

Come accennato in precedenza, una blockchain è un insieme di blocchi che hanno un collegamento tra di loro: ogni blocco ha una stringa alfa numerica di riferimento, che  contiene informazioni su una serie di transazioni e contiene il codice del blocco precedente. Da qui sarà possibile andare a ricondurre la catena all’indietro.

Questo processo ti porterà al blocco originale (immagina come se fosse una sorta di DNA di tutte le transazioni Bitcoin). I partecipanti alla rete, e quindi i nodi, andranno a memorizzare tutti i blocchi, e quindi memorizzeranno tutta la blockchain. 

Chi può creare una criptovaluta?

Chiunque! Tutti possono creare una valuta digitale; ciò significa che, in un dato momento, ci saranno centinaia o addirittura migliaia di cripto in circolazione. Per creare / distribuire una criptovaluta, è possibile utilizzare una cosiddetta “offerta iniziale di monete” (ICO che sta per Initial Coin Offering).

Il primo lotto di ICO è stato lanciato per reperire fondi per le nuove criptovalute. Oggi, invece, tramite le ICO stende a finanziare direttamente idee di business e nuove attività imprenditoriali promettenti. 

Le initial coin offering (ICO): cosa sono le ICO?

Il termine definisce un meccanismo progettato per raccogliere fondi per progetti aziendali, simile alle “offerte pubbliche iniziali” (IPO) o ancora al più moderno equity crowdfunding. A differenza di questo, però, ICO significa emettere i cosiddetti token digitali o coin. Mediante la cripto si sostituiranno i classici  strumenti finanziari  (come le azioni).

I token sono offerti a chi acquista in contanti (USD, Euro …) o più comunemente in criptovalute (principalmente Bitcoin ed Ether). La creazione, l’emissione e il trasferimento dei coin avverrà tramite la tecnologia denominata “distributed ledger”, o meglio identificata con l’acronimo DLT.

Il ciclo di vita

Il “ciclo di vita” di una ICO (nella sua forma più comune sul mercato) presenta alcune evidenti particolarità. Esso riproduce tutte le varie fasi del processo di finanziamento diretto delle piccole imprese innovative alla ricerca di investitori nella fase di start up. Come si struttura una ICO? 

  • Creare un progetto “nuovo ed esclusivo” per lo sviluppo e il finanziamento; 
  • redigere e pubblicare (tramite la rete) documenti informativi non standard (“white paper”) relativi a emittenti, progetti e monete / gettoni e tutte le caratteristiche della propria raccolta iniziale di moneta (ICO)
  • utilizzare blockchain per la partecipazione degli investitori da tutto il mondo (sia nel mercato primario  che nel mercato secondario ove previsto).

L’assenza di leggi

La mancanza di un quadro normativo specifico per queste transazioni (soprattutto l’incertezza sull’applicabilità delle attuali discipline normative che regolano i titoli, le offerte pubbliche e  iservizi di investimento) sostiene la proliferazione, su larga scala, di ICO globali. Ad esempio nel 2017 il valore totale di tutte le ICO è di 5,68 miliardi di dollari USA.). Si tratta di un dato che va di pari passo con l’aumento del valore delle principali criptovalute (Bitcoin + 1.318%. Ether, sul dollaro USA, è aumentato del 9.162% nel 2017).

Sono molti i profili dell’attenzione da certa delle autorità di vigilanza sulle ICO. I regolatori dei mercati finanziari hanno dovuto fornire la loro risposta al fenomeno di diffusione di ICO. 

Dopo l’emissione, le cripto possono essere scambiate in valuta fiat (ad esempio, euro, dollari USA, ecc.). Le criptovalute si possono utilizzare per acquistare e vendere altre valute virtuali sulla piattaforma di scambio. Attualmente non esiste una regolamentazione delle piattaforme di trading utilizzate per acquistare e vendere valute digitali. ciò significa che non esiste una tutela legale specifica in caso di problemi. Per questo bisogna prestare molta attenzione se si decide di investire in criptovalute. 

Vantaggi dal punto di vista dei chi promuove 

Tradizionalmente:

  • le criptovalute si sottraggono all’azione degli incentivi (che possono diventare controproducenti)
  • La criptovaluta fornisce molti potenziali vantaggi
  • le criptovalute sono sicure, le transazioni sono anonime
  • le transazioni in criptovalute sono veloci, sia per ciò che riguarda i pagamenti esteri,
  • Le cripto promuovono anche l’inclusione finanziaria.

Tutti i rischi secondo il parere delle autorità e dei regolatori europei

Per loro natura tutte le criptovalute sono anonime. Le valute digitali sono quindi molto attraenti per i criminali, che possono utilizzarle per riciclare denaro e per altre attività illegali quale traffico di droga, armi e pedopornografia.

Secondo quanto affermano le istituzioni dipartimentali di settore, le cripto potrebbero rappresentare un grosso problema in tema di frodi. La criptovaluta può comportare rischi significativi. Pertanto, hanno sollevato molte domande sulla protezione e la tutela di tutti i  consumatori e investitori in cripto.

D’altro canto, dato il limitato grado di utilizzo e diffusione, è presto per pensare a dei rischi concreti per la politica monetaria tradizionale. Allo stato attuale l’idea che le criptovalute possano sostituire la valuta fiat in breve tempo appare assai improbabile, se non del tutto impossibile. Per quanto riguarda il rischio di stabilità finanziaria, solo l’uso più ampio della criptovaluta potrà confermarne l’effettivo scoppio di un problema.

Tutti i rischi per il consumatore 

A causa della mancanza di un quadro giuridico determinato che regola il settore, è impossibile attuare una protezione legale e / o contrattuale che abbia una efficacia rilevante per gli interessi degli utenti. Questo vuol dire che gli investitori in cripto possono subire gravi perdite di denaro. Questo soprattutto nel caso di fallimento delle società che rilasciano il wallet, o da atti fraudolenti nel mondo del cyber. Se la piattaforma di scambio fallisce o cessa la sua attività, non vi sono garanzie legali di rivedere il proprio denaro indietro. 

In assenza di obblighi di informativa e regole di condotta, le piattaforme di scambio affrontano anche elevati rischi relativi sia all’operatività che alla sicurezza:: infatti, a differenza degli intermediari autorizzati, non hanno bisogno di fornire delle garanzie sulla qualità del servizio. Non devono, inoltre, rispettare nessun requisito patrimoniale. Le procedure di controllo interno e gestione del rischio, con un’elevata probabilità di frode e criminalità informatica.

Esistono anche rischi di controparte, mercato, liquidità ed esecuzione. Non è possibile convertire immediatamente Bitcoin e altre criptovalute in valute ufficiali a prezzi di mercato.

Approfondimento

Non è quindi un caso che il settore finanziario e le banche si approccino alle cripto con riluttanza. La diffidenza nei confronti delle criptovalute ha dei motivi. Si teme che questo sviluppo incontrollato, soprattutto la possibilità di determinare il valore di trasferimento senza l’intervento di un intermediario autorizzato, potrebbe finire per sostituire il business bancario. Questo scenario comporterebbe il crollo di un’intera industria da centinaia di miliardi di dollari. 

Tuttavia, visti gli sviluppi di questa fase originale delle cripto, la criptovalute ci introducono in una più ampia tecnologia non tanto legata alle cripto stesse, quanto alle basi per la creazione di soluzioni innovative, basate su blockchain, che andranno ad aumentare l’efficienza e il funzionamento sia delle nostre vite che della nostra economia. 

Lo sviluppo di una risposta normativa efficace per le criptovalute è ancora in una fase primordiale: si tratta di un’area di difficile regolamentazione, che rientra nelle capacità di diversi enti pubblici a livello nazionale e che opera simultaneamente su scala mondiale. Molti sistemi di trading e piattaforme sono completamente opachi e operano al di fuori del normale sistema finanziario. Tutto ciò rende difficile monitorare le loro operazioni.

Le agenzie di regolamentazione hanno iniziato a rispondere a queste sfide e anche la risposta a questo fenomeno è diversa: i Paesi del mondo hanno adottato metodi e provvedimenti diversi.

Cosa hanno fatto gli Stati del mondo?

Alcuni Stati hanno valutato la possibilità di includere le criptovalute in una serie di casi adeguatamente regolamentati. Altri Stati, invece, hanno emesso avvertimenti specifici ai consumatori e investitori, o hanno autorizzato determinate attività del sistema. Altri stati ancora hanno deciso di bandire le cripto. Ci sono istituti finanziari che commerciano valute virtuali e altri che ne vietano l’uso e la promozione, perseguendo anche i trasgressori. Si tratta ancora di risposte politiche rudimentali alle sfide poste in essere dalle criptovalute. È molto probabile che si verifichino ulteriori sviluppi nel prossimo futuro.

A tal proposito, le autorità sembrano voler calibrare il contenuto delle future normative in modo da rispondere in maniera adeguata ai rischi senza soffocare eccessivamente l’innovazione della blockchain. Le organizzazioni internazionali svolgono un ruolo importante nell’identificare e nella valutare i rischi posti dalle criptovalute. Possono certamente aiutare a rendere più semplice il processo di formulazione e di migliorare le politiche normative a livello nazionale.

Dopo aver maturato una certa esperienza con le proprie funzioni, la diffusione degli standard internazionali e delle migliori pratiche fornirà indicazioni utili per le misure normative più adeguate da attuare nei vari campi. Si favorirà così l’armonizzazione e la prevenzione dei rischi di strategie e operazioni di arbitraggio. Questi standard possono includere accordi di cooperazione internazionale in tutti quei comparti e settori ove è richiesto lo scambio di informazioni per compiere indagini sul perseguimento di crimini transnazionali.

Bitcoin Turchia: boom ricerche dopo tonfo della lira turca

0
A quanto sembra Bitcoin e Turchia stanno acquistando sempre più interesse tra i cittadini turchi. Preoccupazione giustificata dalle conseguenze del licenziamento del governatore della...

Azioni e NFT: crescono titoli legati ai token non fungibili

0
La riscossa degli NFT non riguarda solo i fortunati artisti e proprietari di token non fungibili, ma anche le società che ne sviluppano applicativi....

ETF Bitcoin: Morgan Stanley prima banca a lanciare i fondi

0
La banca di investimenti americana Morgan Stanely diventa il primo istituto americano ad offrire fondi in cripto. Nello specifico, si tratta di ETF Bitcoin...

Cardano Crypto (ADA) vola: da adesso su Coinbase Pro

0
Cardano Crypto, meglio conosciuta come ADA, da settimane, ormai, è al centro dell’attenzione. Sono numerosi i cripto trader che hanno già impostato i propri...

Bitcoin code come funziona la truffa dei guadagni facili

0
L'interazione quotidiana con il web sebbene possa risultare estremamente semplice nell'utilizzo comporta problematiche legate alla sicurezza informatica e a truffe di diverso genere. Negli...

NFT mania: Christie’s vende opera digitale per 70 milioni

0
La prestigiosa casa d'aste Christie's debutta per la prima volta con un'opera immateriale all'asta. Primo evento da record in tutti i senti, visto che...
nft cripto cosa sono

NFT cripto: cosa sono i token non fungibili e la cripto...

0
Negli ultimi anni, termini come blockchain, token e crittografia, prima retaggio di una community, stanno sempre più entrando nella dialettica comune. Infatti queste parole...

Amazon inserisce Ethereum su Amazon Managed Blockchain

0
A comunicarlo proprio i vertici di Amazon che hanno dichiarato che da adesso tutti gli utenti di Amazon Web Services potranno "eseguire il provisioning...

Crollo del Bitcoin: l’attacco della Yellen alla criptovaluta

0
Dopo aver toccato un nuovo massimo storico a quota 58 mila dollari, il Bitcoin corregge bruscamente perdendo più di 11 mila dollari. Attualmente scambia...

Glossario Criptovalute: termini, sigle, neologismi da sapere

0
Cerchi un glossario per le criptovalute perché hai letto qualche termine o qualche sigla strana e non sai cosa vuol dire? Un neofita del...