Corea del Nord: il problema dei Diritti Umani

0
377
corea del nord
epa08735108 A photo released by the official North Korean Central News Agency (KCNA) shows the celerbration for the 75th anniversary of the founding of the Workers' Party of Korea (WPK), at Kim Il Sung Square in Pyongyang, North Korea, 10 October 2020. EPA/KCNA EDITORIAL USE ONLY

Violazioni dei diritti umani in Corea del Nord: Corea del Nord News

Sappiamo che la Corea del Nord è governata dalla dinastia Imperiale kim, che è una monarchia comunista assoluta, quasi senza concessioni ad altri paesi in termini di commercio. Difficile entrare, ancora più difficile uscirne. A chi piace sfoggiare il proprio esercito in una sfilata incredibilmente coreografata progettata per confondere e spaventare le persone? Ovviamente al Governo Nord Coreano. Sappiamo anche che la sua gente vive nel dolore; concepisce che il resto del mondo sia ancora più brutto attraverso continui innesti culturali devianti da parte del potentato governativo stesso.

La Corea del Nord è ora una società in cui i diritti umani non sono ancora stati rispettati. I diritti umani non possono coesistere con l’assolutismo del Grande Leader: l’attuale Kim Jon Jung. Solo il Grande Leader ha diritti umani assoluti: tutti gli altri sono solo suoi vassalli. Il destino dell’individuo e i diritti umani non appartengono all’individuo, ma al Grande Leader. Come può esserci il diritto di opporsi all’assolutismo di un Grande Leader in una società in cui il valore morale più alto è sacrificare anima e corpo al Grande Leader?

Non importa quanto il Grande Leader e i suoi agenti violino i diritti umani, sono considerati atti di moralità irreprensibile. In un paese sviluppato, il presidente deve rendere conto al Congresso dei suoi scandali sessuali; In Corea del Nord nessuno può mettere in dubbio il comportamento del Dittatore Corea del Nord.

corea del nord
Hwang Jang Yop, Alla difesa dei Diritti Umani in Corea del Nord

Corea Del Nord e violazioni dei diritti umani nella vita economica

La Corea del Nord ha il proprio Internet. Si chiama Kwangmyong ed è una rete isolata. Questo vuol dire che non connessa all’Internet globale. Ti consente di inviare e-mail, visitare siti di regime, leggere notizie (anche controllate) e accedere alla tua biblioteca elettronica.

Quando parliamo di “diritti umani”, di solito pensiamo alle libertà sociali e politiche come:

  • la libertà di parola
  • la libertà di partecipazione politica.

Tuttavia, i diritti umani si riferiscono al “diritto di vivere come comproprietari di una società“. Il diritto alla vita è il diritto umano più importante. Ancora più importante: dobbiamo garantire che le condizioni di base per la sopravvivenza umana siano

  • nutrirsi
  • vestirsi
  • vivere
  • mantenersi.

Pertanto, il diritto umano più fondamentale è il diritto a godere delle condizioni di vita di base sopra menzionate.

Il governo in Nord Corea non garantisce le condizioni di vita di base

In Corea Nord si può morire di fame. Nella Corea del Nord tutti i mezzi di produzione sono di proprietà statale. Affermano che la terra è di proprietà della cooperativa agricola, ma in realtà tutta la terra è di proprietà del Partito e quindi dello Stato. Un socio di una cooperativa agricola non ha diritto di voto sull’uso del suolo. L’unica persona che può gestire la terra è il Segretario del Partito di Distretto.

In definitiva, quindi, tutta la terra gestita dalla cooperativa agricola appartiene al Grande Leader. Ma i governanti della Corea del Nord insistono sul fatto che tutti i mezzi di produzione appartengono al popolo. Se questo è vero, le persone dovrebbero essere libere di utilizzare i mezzi di produzione e avere il diritto di usufruire dei prodotti a loro disposizione. In realtà, tuttavia, i nordcoreani non hanno tali diritti.

La più grande violazione dei diritti umani in assoluto è la fame di milioni di lavoratori

In una situazione in cui viene riconosciuta la proprietà privata della terra; le persone possono morire di fame se un disastro naturale o l’incuria umana portano a un raccolto scarso. Il problema in una situazione del genere è diverso da quello di cui stiamo discutendo qui. Ma anche in una situazione del genere, il governo ha una responsabilità. Quindi è ovvio che in un paese in cui tutte le fabbriche e le fattorie sono di proprietà dello Stato e il Capo dello Stato monopolizza il potere e la ricchezza dello stato, il leader supremo è totalmente responsabile della tragedia di milioni di persone che muoiono di fame.

Ci sono molte opinioni diverse sul numero esatto di nordcoreani che muoiono di fame.

Questo perché le autorità nordcoreane nascondono statistiche e sondaggi per dichiarare fuorilegge per quanto riguarda la fame. Ciò che è più deplorevole è che le cosiddette “autorità” della Corea del Nord facciano tutti i tipi di commenti soggettivi e personali senza nemmeno esaminare la situazione reale in Corea del Nord.

Corea del Nord: un dissidente fa emergere delle atrocità

Nessuno con una coscienza di sorta sarebbe abbastanza irresponsabile da ignorare un problema così terribile come la fame di massa senza un’adeguata ricerca. Quello che fa più schifo è che un gran numero di persone che non sentono le urla dei loro connazionali e invece si fidano delle parole delle “autorità” straniere. Non c’è immoralità più grande che commentare con noncuranza ciò che per gli altri è questione di vita o di morte. E questo senza nemmeno conoscere tutti i fatti.

I miei colleghi ed io non solo viviamo in Corea del Nord, ma prestiamo servizio anche nel centro cerebrale più alto del paese, quindi abbiamo le statistiche più accurate sulla carestia in Corea del Nord. Le statistiche che otteniamo non si basano su voci, ma si basano su dati riferiti a Kim Jong Japanese, che ci sono stati forniti da funzionari dell’organizzazione centrale del partito e dall’ufficio direttivo.

Corea del Nord dittatore: un fatto vero accaduto nel 1995

Secondo il segretario centrale responsabile dell’industria delle munizioni, nel 1995 le razioni per gli operai della fabbrica furono interrotte per più di nove mesi e più della metà dei lavoratori andò di casa in casa e non fu in grado di andare a lavorare. A quel tempo, 2.000 lavoratori altamente qualificati erano apprezzati per le loro abilità con le armi e morirono di fame.

Per questi lavoratori, il governo ha adottato speciali misure di emergenza per ridurre il gonfiore causato dalla fame, ma quando continuano a morire di fame e i loro corpi si gonfiano di nuovo, e il governo non può fare nulla. Quando i segretari del comitato centrale del partito si sono riuniti nel novembre 1996 per valutare la situazione alimentare nazionale emerse una triste notizia. In quell’occasione hanno appreso che erano rimasti solo 2,1 milioni di tonnellate di grano.

Le soluzioni

Preoccupati per la situazione, i segretari hanno chiesto aiuto al funzionario dell’Ufficio di orientamento dell’Organizzazione, responsabile della cura degli affamati e della gestione della situazione alimentare. Era la metà di novembre del 1996. Secondo un funzionario dell’Ufficio di consulenza dell’Organizzazione, più di 500.000 persone, inclusi 50.000 membri del partito, morirono di fame nel 1995. E a metà novembre 1996, quasi un milione di persone morì di fame. Ha aggiunto che nel 1996 sono state prodotte solo 2,1 milioni di tonnellate di grano. Se la situazione non fosse cambiata, il funzionario aveva previsto che nel 1997 circa 2 milioni di persone sarebbero morte di fame. Un funzionario dell’orientamento dell’organizzazione non lo farebbe mai.

Il fatto che oltre 1,5 milioni di persone siano morte di fame tra il 1995 e il 1996 è un fatto indiscutibile. Non disponiamo di dati precisi sulla situazione per il 1997-1998. Questo perché l’approvvigionamento alimentare non è migliorato in modo significativo; si può concludere che almeno un milione di persone sono morte ogni anno.

Infine, alla fine del 1997, 2,8 milioni di persone morirono di fame, secondo i rapporti che la società di telecomunicazioni cinese Xinhua disse di aver ricevuto da funzionari del Comitato per l’agricoltura della Corea del Nord. Possiamo concludere che nel 1997 morirono altri 1,3 milioni di persone, per un totale di 2,8 milioni di morti per fame. Abbiamo sempre affermato che tra il 1995 e il 1996 sono morte più di 1,5 milioni di persone e dal 1997 al 1998 1 milione in più.

Una domanda sorge spontanea

Ci chiediamo se queste persone abbiano informazioni accurate sulla popolazione nordcoreana e sul suo tasso di crescita naturale. I governanti della Corea del Nord mantengono segreta la popolazione effettiva e forniscono dati falsi, oltre a escludere deliberatamente il numero di personale militare. È noto che la popolazione nordcoreana è di circa 23 milioni, ma il numero dei soldati è top secret.

dittatore corea del nord
Kim Jong I

Anche se la popolazione della Corea del Nord fosse di 22,5 milioni, qualcuno ha detto, la morte di 1 milione all’anno significherebbe la morte di una persona su 22,5, non una su cinque! Questo qualcuno è un noto ideologo e non è possibile che non possa fare semplici calcoli. La domanda sul perché questa persona rispettata sia così “preoccupata” per la nostra apprensione per la carestia nordcoreana. Fino ad ora, pensavamo che le uniche persone preoccupate per la notizia della fame che si diffonde nel mondo fossero i governanti della Corea del Nord.

Corea del Nord Turismo: tematiche soft e curiosità riguardanti il Governatore

Stai progettando un viaggio in Corea del Nord? Strano ma vero: in un paese dove quasi tutto è proibito, in Corea del Nord puoi fumare marijuana liberamente. Ma c’è chi è finito in prigione colpevole di aver tentato di fare uno spinello con il giornale raffigurante il leader Kim. Ricorda comunque che andare in Corea del Nord richiede degli accorgimenti diversi rispetto alla stragrande maggioranza degli stati nel mondo. Ad ogni modo ce ne occuperemo in un altro articolo.

kim jong nam
Kim Jong Nam

La famiglia del caro capo ha anche una pecora nera. È un giovane Kim Jong Nam, il figlio maggiore di Kim Jong Il e fratello dell’attuale Comandante Supremo Kim Jong Un. Nel 2001 è stato arrestato in un aeroporto giapponese con un passaporto falso: è scappato di casa per andare a Disneyland. Nam sarà assassinato nel 2017.

Non è legalmente possibile attraversare il confine della Corea del Nord con armi, droghe, telefoni cellulari e qualsiasi pubblicazione. Tuttavia, pare che ora, i visitatori stranieri possano utilizzare una connessione 3G sui loro telefoni cellulari. Smartphone e laptop vengono controllati uno per uno ai confini.

Gli studenti si trovano in una situazione ancora peggiore.

Quando il politico sovietico Krushchyov ha criticato il culto della personalità di Stalin nel 1965, le sue azioni hanno influenzato gli studenti nordcoreani che studiavano in URSS, che hanno fatto commenti criticando il culto della personalità di Kim Il Sung. Le autorità nordcoreane ne hanno sentito parlare e quando gli studenti sono tornati in Corea del Nord, sono stati sottoposti a interrogatori intensivi che sono durati mesi. Quelli ritenuti meno sospetti sono stati uccisi in segreto. Si scoprì che un gruppo di soldati nordcoreani che avevano studiato affari militari in un’università dell’URSS negli anni ’80 aveva formato un’organizzazione anti-Kim Jong Il all’interno dell’esercito. Furono tutti giustiziati nel 1995. Non solo, quasi tutte le persone che avevano studiato in URSS erano ritenute influenzate dall’organizzazione anti-Kim Jong Il anche se non erano soldati.

Queste persone non erano autorizzate a viaggiare all’estero. Chi era ritenuto, anche con un minimo sospetto, di essere legato all’organizzazione anti-Kim Jong Il veniva giustizia. Questa politica ha provocato, quindi, la morte di quasi tutti gli studenti che avevano studiato in URSS negli anni ’80.

 

Sulla base di questo fragile ragionamento, l’esercito popolare ha arrestato il laureato e gli ha fatto sparare.
Kim Jong Il ha avuto una relazione con Sung Hye Rim, un’attrice cinematografica e nuora del famoso scrittore Lee Gi Young. Ha persino dato alla luce un figlio Kim Jong Il (Kim Jong Nam), ma lui l’ha mandata a vivere a Mosca per paura dei pettegolezzi. Naturalmente, le voci hanno iniziato a diffondersi tra gli studenti nordcoreani che studiavano in URSS. Kim Jong Il ha ordinato al comandante della sicurezza dell’Esercito popolare di punire i pettegoli. Il comandante interrogò gli studenti nordcoreani che vivevano a Mosca e giustiziò tutti gli studenti che si limitavano a rispondere di sapere che Sung Hye Rim viveva a Mosca.

La Corea del Nord uccide gli oppositori politici?

Kim Il Sung era anche spietato quando si trattava di affrontare i suoi nemici politici.

 

Ha accusato tutti coloro che gli si opponevano di “settarismo antipartitico e antirivoluzionario” o di essere
“spie degli imperialisti americani”, e li ha eliminati dal partito.
Il campo di concentramento per prigionieri politici, chiamato “zona di controllo”, è stato originariamente costruito per ospitare le famiglie dei nemici politici di Kim Il Sung al fine di spazzare via le loro linee familiari.

Le zone di controllo si trovano nelle profondità delle montagne e circondate da diversi strati di filo spinato. Sono divisi in area principale e area di riserva, e quelli inviati nell’area principale trascorrono il resto della loro vita lì trattati peggio degli animali.

Fonti: Dichiarazioni rielaborate di Hwang Jang Yop, alto funzionario di Pyongyang a disertare dal 1997

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments