CBDC: le Banche Centrali aprono alle cripto centralizzate

0
22
CBDC

CBDC: dopo il tentativo di Facebook di lanciare una valuta digitale lo scorso anno, le banche centrali hanno continuato a discutere su come creare le proprie valute virtuali. Un discorso non nuovo e che persino l’attuale presidente della BCE Cristine Lagarde aveva affrontato quando era direttrice del FMI.

Ora hanno proposto una struttura approssimativa per il funzionamento di questo sistema.

CBDC, il regolamento e gli scopi

Nella giornata di venerdì, la The Bank for International Settlement e sette banche centrali tra cui la Federal Reserve, la Banca centrale europea e la Banca d’Inghilterra hanno pubblicato un rapporto che elenca i requisiti chiave per le valute digitali della banca centrale o CBDC.

Come riporta la CNBC, nella proposta della banca centrale, il CBDC integra ma non sostituisce il contante e altre forme di corso legale. Come è noto dalla posizioni, ci sono ancora molti dubbi circa la pratica introduzione di questi strumenti. 

Infatti, si sostiene che allo stato attuale danneggerebbero le valute tradizionali e la stabilità finanziaria. Hanno affermato che le valute digitali dovrebbero anche essere sicure, il più economiche possibile (se non gratuite). E “dovrebbero avere un effetto appropriato sul settore privato”.

Quando è stato pubblicato il rapporto CBDC, le banche centrali di tutto il mondo stavano valutando le proprie valute digitali. Con la Blockchain, la tecnologia alla base delle criptovalute in circolazione, è pubblicizzata come una potenziale soluzione. Tuttavia, le criptovalute hanno attirato molti controlli da parte delle banche centrali e molte persone temono che apriranno la porta ad attività illegali come il riciclaggio di denaro. 

CBDC

L’esempio della Cina

In Cina, i portafogli digitali come Alipay e WeChat Pay sono ampiamente diffusi. Motivo per cui la banca centrale cinese ha collaborato con alcune società del settore privato per sperimentare una valuta elettronica che è in uso da anni. Allo stesso tempo, la Banca Centrale Svedese sta cooperando con Accenture Consulting per testare la sua proposta di valuta “corona elettronica“.

Benoit Coeure, un ex funzionario della Banca centrale europea, ha dichiarato:

“I progetti che forniscono queste caratteristiche possono promuovere pagamenti più flessibili, efficienti, inclusivi e innovativi”.

“Sebbene a causa delle priorità e delle circostanze nazionali, non ci sarà una CBDC valido per tutti, il nostro rapporto fornisce un trampolino di lancio per l’ulteriore sviluppo dei paesi in via di sviluppo basati su merci funzionali”.

Vale la pena sottolineare che queste banche centrali non hanno ancora preso una posizione sull’opportunità di emettere valute digitali e altre istituzioni. Stanno ancora valutando se questa valuta virtuale sia fattibile. I sostenitori delle valute digitali affermano di poter migliorare l’inclusione finanziaria mettendo le persone in modi che non possono utilizzare i conti bancari. Ma alcune persone temono che ciò possa escludere le banche commerciali.

Le criptovalute dei big

Dopo che Facebook ha lanciato la sua versione – Libra – la piattaforma ha ricevuto il supporto congiunto di aziende tra cui Uber e Spotify, il lavoro della banca centrale sulle valute digitali sembrava aver dominato lo scorso anno. Il progetto travagliato è stato fortemente osteggiato dalle autorità di regolamentazione e dal ritiro di noti istituti di credito come MasterCard e Visa.

Da allora, l’organizzazione responsabile della supervisione del piano, chiamata Libra Association, si è ridotta di dimensioni e ha scelto più criptovalute collegate alla valuta invece della singola valuta digitale proposta in precedenza supportata da più valute.

Leggi anche Regolamentazione criptovalute, Paolo Savona rilancia l’idea

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments