Algoritmi: la storia della realtà non è questa

0
43
algoritmi

Progressismo pro umano ed alternativo

Se Creassimo un’altra immagine della rivoluzione digitale degli algoritmi, immergendoci in essa e sperimentando una nuova forma di vita partendo dal pluralismo umano e dall’azione politica. Questo è il messaggio del libro “A Critique of Human Reason“. Human defence scritta dal filosofo Éric Sadin (Luiss, pag.207, 21 euro, commentato su queste pagine il 17 luglio), collana organizzata dalla libreria francese Stendhal a Roma Incontra all’evento.

Perché l’immagine pubblica della finanza digitale degli algoritmi si è verificata in almeno due anni, e comunque dal caso Cambridge Analytica (l’azienda ha indebitamente sottratto 87 milioni di dati da Facebook per la campagna di Trump nel 2015). Cambiato? duraturo. È ora che ci rendiamo conto che l’intelligenza artificiale degli algoritmi non è un sistema intelligente naturale che può sostituire gli esseri umani. Non è affatto naturale; è uno dei modi in cui si manifesta la razionalità umana. Il suo obiettivo è gestire gli asset esistenti e guidare tutto verso le transazioni commerciali. Questo è il progetto fondamentale della monarchia digitale.

Prospettivismo sull’era entrante

Come si definirebbe la “performance autorevole e obbligatoria del mondo” creata dal capitalismo digitale? La capacità di esercitare la libertà nell’intervenire nella vita comune. Siamo in un’era in cui cambia la posizione della tecnologia. Non si limita più a memorizzare, indicizzare ed elaborare le informazioni come negli anni ’50. Gli algoritmi aggiungono funzionalità; specializzazione ed è un esperto in tutti gli aspetti e il suo processo di esecuzione è più veloce delle capacità del nostro cervello, quindi spesso lo rende difficile da capire.

Waze è un’app israeliana acquisita da Google che mappa attraverso algoritmi avanzati il traffico in tempo reale e consiglia il percorso ideale. Secondo me, questo tipo di capitalismo monarchico non è solo supervisione; Algoritmi e discriminazione ma governa e guida le nostre decisioni, prima di tutto per soddisfare gli interessi privati. Questo è un divieto che mostra la via del comportamento.

È iniziato con uno smartphone nel 2007. Da allora sono emerse applicazioni che accompagnano le nostre vite attraverso algoritmi. Ad esempio, assistenti vocali come Siri o Alexa.

Oggi non funzionano bene, ma rappresentano ancora una forma antropomorfa di intelligenza artificiale che può essere comunicata attraverso la voce e suggerisce come condurre transazioni commerciali nel modo più naturale (non nel modo naturale).

Nel suo libro, ha descritto il potere quasi magico che l’automazione digitale esercita sugli esseri umani. Perché è così attraente? Molte persone al lavoro immaginano come renderlo attraente chiamandolo qualcosa che rende il mondo più fluido, ecologico e più sicuro.

Dopo la seconda guerra mondiale, si ipotizzava che la gestione sociale fosse affidata a qualcuno che non fosse l’uomo: a causa degli orrori della guerra, gli esseri umani non erano considerati solo inclini agli errori, ma anche pericolosi per l’uomo.

Pseudo soluzioni alla decadenza

Günther Anders ha criticato la scienza tecnica, che era guidata da ambizioni non militari di distruggere il mondo con bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki.

L’idea della crittografia di rete proposta da Norbert Wiener nel 1948 è un tentativo di evitare queste conseguenze potenzialmente dannose. La cibernetica deriva dalla parola greca Kubernetes (pilota), che significa anche governo umano. Pertanto, viene proposta un’idea automatizzata per migliorare e rendere più razionale la vita.

Questa idea sarà ispirata dalla “passione inquietante per i doppi artificiali“. Cosa significa? Questo entusiasmo nasce dal fatto che gli esseri umani rappresentano un soggetto in grado di riprodurre il cervello eliminando le parti difettose e fornendo maggiore potenza a macchine considerate migliori di lui. Il momento cibernetico nella storia della tecnologia non inizia con la conoscenza scientifica del cervello. È teorizzato sulla base di ipotesi di ingegneri che non capiscono come funziona. Negli ultimi anni, a causa dei nuovi risultati della ricerca, questa discussione è tornata: l’algoritmo riprodurrà il cervello a una velocità inimmaginabile.

Una potenziale babel tower

Non ci siamo spinti troppo in là , è un processo avanzato che attribuisce caratteristiche e qualità umane a macchine che hanno capacitato la tecnologia dimodochè possa svolgere determinate operazioni decisionali.

Qual è l’impatto sul lavoro? Usiamo l’algoritmo per scegliere candidati. I candidati devono interagire  nella chatbox. Non è chiaro come procederà la selezione, ma alla fine l’algoritmo dovrebbe determinare quale sia il miglior candidato. Per molti anni, le persone si sono generalmente preoccupate di sostituire i lavori con l’intelligenza artificiale.

A mio avviso c’è un elemento più importante: l’applicazione dell’intelligenza artificiale nel management, ovvero l’idea di gestire il settore attraverso dati e real-time. Ciò significa che i lavoratori eseguono gesti come robot, ma sono persone in carne e ossa. Questo meccanismo elimina la contraddizione: come hanno fatto a opporsi all’algoritmo e a dirlo sbagliato?

Effetti indesiderati

L’Algoritmo dell’amicizia del Dr. Sheldon Cooper, PhD

Quali sono le ripercussioni per la medicina o la scuola? In medicina, esprime il livello standard della tecnologia digitale. Alla medicina digitale si attribuisce il potere di esprimere benessere in nome di un sistema ben gestito e più efficace. Questa idea di gestire la vita è una risposta alla prospettiva della salute del mondo, che eliminerà i cosiddetti  “difetti” dell’umanità. Poiché gli esseri umani sono suscettibili ai pregiudizi, utilizziamo algoritmi per affrontarli come se non fossero prodotti dagli esseri umani. Anche nelle scuole pubbliche si discute di “trasformazione digitale” e di nuovi modelli di insegnamento derivati ​​dall’uso dell’intelligenza artificiale. L’idea sarebbe di preparare gli studenti al sistema economico, quando in realtà l’istruzione dovrebbe offrire strumenti per raggiungere autonomia.

Cosa ne pensate della proposta di rompere questa egemonia digitale e tassarne i profitti? Smantellare Google o Facebook potrebbe avere un impatto, ma è difficile credere che sarà sufficiente per fermare l’elite finanziaria. Esistono società incognite dedicate allo sviluppo della gestione della vita.

Sarà utopia di un rinascimento

Di cosa hai bisogno per iniziare? Apprendere a dire “no” come ricorda Pasolini. Non lasciarti rassegnare dal noto procedimento storico inalterabile. I think tank e i vari potentati devono opporsi alla retorica e dimostrare e raccontare la realtà di cosa significa lavorare in una fabbrica, in una scuola o in un ospedale digitale nel modo in cui immaginano. Dire che i fatti appaiono è un atto politico. La realtà esiste nel presente e i soliti discorsi sono proiettati in un futuro perfetto o doloroso. Per entrare in conflitto con il progresso complessivo della tecnologiadi cui siamo sommersi, è necessario implementare un’altra immaginazione e provare altre forme possibili di esistenza forse.

In quest’epoca in cui comunichiamo relativamente di più e facciamo di meno, possiamo riscoprire azioni proprio come ha detto Hannah Arendt.

È la forza armata dello spirito della Silicon Valley che sta creando “un colonialismo planetario pieno di entusiasmo e un forte desiderio di essere sconfitto dai coloni”. La crudele analisi e le crudeli conclusioni di Éric Sadin furono pubblicate su Einaudi. I filosofi francesi, attenti allo sviluppo del digitale, ritengono che il piano economico proposto dai “coloni” sia diventato “una forma luminosa di capitalismo, non più basata sullo sfruttamento della maggioranza, ma basata sullo sfruttamento della maggioranza”. La virtù dell’uguaglianza “fornirà a tutti la possibilità di azione gratuita e conseguirà i propri risultati in essa”.

Conclusioni

Ci siamo posti il quesito di cosa sono gli algoritmi e come operano? Potresti essere sorpreso di scoprire che anche le persone che li hanno creati spesso non sanno cosa succede nella “black box” delle istruzioni di inserimento. Oggi giorno, almeno tra intellettuali illuminati e nativi digitali; lo spazio per la magia dell’attimo umano passa surrealmente in gradi secondari di interesse ,il romanticismo sfuma. Sembra ovvio. Ma è davvero così? Alcune persone  avrebbero dubbi pare. Ed Finn, direttore del Center for Science and Imagination dell’Università dell’Arizona riporta in “What Algorithms Need” (Einaudi): “Abbiamo adottato una falsa relazione con gli algoritmi”. «Gli algoritmi ci guidano nelle città , Consiglia le visualizzazioni di film per fornire risposte alla nostra ricerca. Immaginiamo che siano eleganti, semplici ed efficienti, ma sono barriere disordinate, che riuniscono varie forme di lavoro umano, risorse materiali e scelte ideologiche.

Filosofi e scrittori dell’era del silicio Éric Sadin (Éric Sadin) è autore di testi sull’impatto nascosto dello sviluppo tecnologico, tra cui “Siliconization of the World” (Einaudi, 2018), pubblicato il 21 luglio da Benedetto Vecchi (“Silicon The Dystopian World in Sauce “) ha commentato. Il manifesto prevede già “una critica della ragione artificiale” (Luiss, 2019): B. Vecchi, “The World of Robots Decomposed” (17 luglio 2019). In altri suoi libri, Sardin ha anche scritto “Visual Algorithms: Critical Numbers” (2015) e “Expected Society: Human Broken Internet Knowledge” (2011).

 

 

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments